Violenta la figlia durante la prima notte di nozze: «Credevo fosse mia moglie»

di Alessia Strinati

0
  • 56
«Credevo fosse mia moglie». Questa è la giustificazione che ha dato un uomo dopo aver violentato sua figlia durante la sua prima notte di nozze. Jydske Vestkysten, il 50enne stava tenendo il suo ricevimento di nozze in una tenuta di campagna durante il quale sua figlia di 20 anni avrebbe perso i sensi nella suite nuziale dopo aver bevuto troppo. I due si erano persi di vista per anni, fino a quando l'uomo non l'ha ricontattata l'anno prima del matrimonio proprio per invitarla alle nozze.

I fatti risalgono allo scorso anno, i due si trovavano nei pressi di Kolding, nel sud della Danimarca. La ragazza era stata portata nella suite nunziale proprio dal padre e da un altro parente. L'uomo e la sua nuova moglie qualche ora dopo si sono coricati nello stesso lett,  nel corso della notte però il 50enne ha afferrato la figlia e ha abusato di lei, mentre la moglie dormiva loro accanto.

La 20enne si è ribellata, ma l'uomo l'avrebbe costretta con la forza ad avere un rapporto, per poi scusarsi il giorno successivo. La ragazza ha però deciso di sporgere denuncia, non credendo alla versione del padre che continuava a ripeterle di averla scambiata per la moglie, tagliando poi definitivamente i rapporti con il genitore. Il 50enne è stato riconosciuto colpevole di stupro e condannato a 2 anni di reclusione. 
Venerdì 11 Gennaio 2019, 18:02 - Ultimo aggiornamento: 11-01-2019 18:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP