Usa, bimbo di 3 anni trova una pistola e uccide la sorellina: arrestato amico della madre

ARTICOLI CORRELATI
di Federica Macagnone

Quello sparo alle 7.30 di venerdì lo hanno sentito tutti i vicini: Robin Keefer, una bimba che aveva da poco compiuto un anno, era stata appena uccisa da un colpo di pistola sparato dal fratellino di 3 anni che aveva trovato l'arma nel lettino della sorella. A metterla lì era stato Shawn Moore, un amico 25enne della mamma dei bimbi: precipitatosi nella stanza di Robin, ha realizzato solo in quel momento quale idiozia avesse compiuto nel collocare proprio lì la sua pistola.
 
 


Davanti a tutto quel sangue è caduto in preda al panico e, terrorizzato, è fuggito portando via l'arma: solo in seguito, mentre alle 10 la bimba veniva dichiarata morta al LeBonheur Children's Hospital di Memphis, Shawn, già condannato per possesso illegale di arma da fuoco, si è consegnato nelle mani della polizia che venerdì sera lo ha arrestato per omicidio colposo e lo ha spedito in prigione. La settimana prossima affronterà i giudici in tribunale.

La tragedia è avvenuta nel complesso di appartamenti Cedar Mills di Memphis, negli Usa. «È un incubo - ha detto Wanda Keefer, zia della bambina - Chi possiede armi dovrebbe metterle fuori dalla portata dei bambini: le armi stanno uccidendo i piccoli, ci stanno uccidendo tutti. Robin era così piena di vita, sempre gioiosa: e ora è tutto finito. È qualcosa che pensi non possa mai accadere a te o alla tua famiglia». Anche Shawn pensava, con enorme leggerezza, che a lui non sarebbe mai potuto succedere: la sua valutazione errata ha azzerato la vita di un'innocente e ha distrutto la sua.
Domenica 12 Novembre 2017, 18:01 - Ultimo aggiornamento: 13 Novembre, 11:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP