Manager tedesco ucciso a Roma: pena ridotta a 20 anni in appello

Hanno patteggiato in appello uno sconto di pena i due uomini sotto processo per l'accusa di aver ucciso, a Roma, nel novembre 2015, un manager tedesco dopo un incontro a scopo sessuale. La prima Corte d'Assise d'appello di Roma ha condannato Madalin Laurentiu Dragan e Sebastian Marcel Zamfir a venti anni di reclusione ciascuno per omicidio volontario e rapina; un anno e quattro mesi di reclusione per favoreggiamento e ricettazione sono stati invece concordati per Ionel Dragan, padre di Madalin. In primo grado, nei confronti dei tre romeni il gup capitolino Donatella Pavone aveva pronunciato una sentenza di condanna a trent'anni (Madalin Dragan e Zamfir) e a due anni (Ionel Dragan).

LEGGI ANCHE Sgozzato in casa: caccia al killer del manager tedesco

I fatti risalgono a 6 novembre 2015. Oliver Degenhardt, manager tedesco di 49 anni, fu trovato morto, con un profondo taglio alla gola, nel suo appartamento romano di via dei Volsci, nel quartiere San Lorenzo. Successivamente scattarono le manette ai polsi dei tre romeni poi imputati, arrestati in Romania e Norvegia dai carabinieri, in collaborazione con le polizie romene e norvegesi. Il corpo di Degenhardt fu trovato dopo che un vicino aveva visto uscire dalla sua casa del fumo. Non appena dentro quell'appartamento, i vigili del fuoco trovarono il corpo barbaramente ucciso (presentava un taglio alla gola e numerose ferite alla testa); dalla casa mancavano alcuni oggetti di valore.

LEGGI ANCHE Manager tedesco ucciso: spunta la pista dei gigolò dell'Est, caccia a due sospettati

Dalle indagini, secondo quanto al tempo si apprese, emerse che il tedesco aveva contrattato tramite un social network un incontro a scopo sessuale, e invitato a casa quelli che poi diventarono i suoi assassini. Qualcosa quella notte andò storto, forse per una lite; tant'è che Degenhardt fu ucciso barbaramente, la camera da letto fu data alle fiamme forse per coprire la fuga e dalla casa scomparvero due tablet, quattro telefoni cellulari, un computer e una macchina fotografica (uno dei telefoni fu poi ritrovato in una baracca dove abitava Ionel Dragan, artista di strada e padre di Madalin). I due Dragan e Zamfir furono portati a processo; scelsero il rito abbreviato e furono condannati dal gup. Oggi, il patteggiamento in appello ha permesso loro di beneficiare di uno sconto di pena.
Martedì 13 Marzo 2018, 13:01 - Ultimo aggiornamento: 14-03-2018 23:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP