Catalogna, Madrid destituisce il governo di Puigdemont

ARTICOLI CORRELATI
1
  • 19
È arrivato il giorno dello scontro frontale fra Madrid e Barcellona: il premier spagnolo Mariano Rajoy ha annunciato il commissariamento della Catalogna, con misure durissime per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle. Una decisione, ormai scontata, che il governo catalano bolla come un «un colpo di Stato». Una riunione straordinaria del consiglio dei ministri ha attivato contro la Catalogna l'articolo 155 della costituzione post-franchista, mai usato finora, per destituire il presidente Carles Puigdemont e tutto il suo governo, prendere il controllo dell'amministrazione e dei conti della Generalità, della polizia, della Radio-Tv pubblica.
 
 

Il Parlamento inoltre viene di fatto esautorato fino alla convocazione 'coattà di nuove elezioni. Rajoy si è attribuito le competenze esclusive di Puigdemont per sciogliere il parlamento e convocare le elezioni. Mossa che ha suscitato dubbi fra i costituzionalisti. Il pacchetto di misure - con l'appoggio di Psoe e Ciudadanos - è stato trasmesso, come prevede la costituzione, al Senato controllato dal Pp di Rajoy. E lo scontato via libera è previsto per il 27 ottobre. Il pugno durissimo di Rajoy sulla Catalogna ha suscitato una tempesta di critiche. Il partito di Puigdemont il PdeCat lo ha definito «un colpo di stato contro il popolo di Catalogna»: «sa di franchismo, è un ritorno al 1975» (l'anno della morte del dittatore Francisco Franco). Podemos si è detto «sotto shock» e ha accusato il premier di «sospendere la democrazia in Catalogna e in Spagna».

Il sindaco di Barcellona Ada Colau ha denunciato una «offensiva autoritaria contro tutta la Catalogna». I soci del Barcellona Calcio, riuniti in assemblea, hanno accolto l'annuncio delle misure al grido di «Llibertat! Llibertat!». In tutta la Catalogna, dai Pirenei alla Costa Brava, una 'caceroladà spontanea ha accolto le parole di Rajoy. Quasi mezzo milione di persone sono scese in piazza a Barcellona per denunciare la mossa del governo centrale e anche la detenzione da lunedì scorso dei leader indipendentisti Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, arrestati per 'sedizionè per ordine di un giudice spagnolo. Tra la folla anche il presidente Puigdemont e il suo governo. Davanti al blitz di Rajoy, il campo secessionista sembra condannato alla fuga in avanti. Una dichiarazione di indipendenza sarà approvata probabilmente mercoledì dal Parlament prima che le misure di Rajoy entrino in vigore a fine mese.

Il pacchetto di misure approvato da Madrid «per ripristinare la legalità» davanti all'attacco secessionista del Govern, vieta fra l'altro al Parlament eletto nel 2015 e con maggioranza assoluta indipendentista di eleggere un sostituto di Puigdemont e di votare qualsiasi cosa «non conforme alla costituzione», riservandosi un diritto di veto su qualsiasi misura dell'assemblea. Che, quindi, non potrà svolgere le sue funzioni di controllo e avrà un ruolo solo «rappresentativo». Le misure, molto pesanti, hanno suscitato l'ira del popolo indipendentista, che prepara la resistenza «pacifica e gandhiana» Ma sempre resistenza. Con proteste di massa in piazza, «azioni di disturbo immaginative» ispirate al movimento degli indignados per contrastare la presa di controllo di Madrid. E la situazione potrebbe farsi rapidamente ancora più incandescente. Fonti della procura generale dello Stato spagnolo hanno confermato che è in preparazione una incriminazione di Puigdemont per «ribellione» in base alla quale il 'President' rischierebbe fino a 30 anni di carcere, e potrebbe essere arrestato con i suoi ministri. Un passo che rischierebbe di avere conseguenze imprevedibili, in una Catalogna con i nervi sempre più scoperti.

 
Sabato 21 Ottobre 2017, 10:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-10-21 18:33:04
"Ieri la prima: migliaia di catalani hanno ritirato ai bancomat 155 euro (come il famigerato articolo) per dare alle banche un assaggio del loro potere di consumatori. Le code davanti agli istituti di credito hanno confermato il successo di questa prima mossa." GENIALE. Prima tocca ai catalani, poi l'indipendenza da Roma e Milano ce la prenderemo anche noi. Che abbiamo infinite ragioni in più, tra l'altro. INDIPENDENZA DEL SUD ORA!

QUICKMAP