Tensione ad alta quota: aereo israeliano a caccia di drone iraniano, contraerea siriana lo abbatte

ARTICOLI CORRELATI
3
  • 41
L'Esercito israeliano ha intercettato sabato mattina un drone iraniano decollato dalla Siria in direzione dello Stato ebraico. In risposta alla «provocazione», ha fatto sapere l'Esercito, sono stati attaccatti obiettivi iraniani in Siria. Un F16 israeliano impegnato nell'azione è finito nel mirino dei missili anti-aereo siriani: i due piloti sono riusciti a paracadutarsi fuori, mentre l'aereo è precipitato nel nord di Israele.

 
 


Poi in serata attacchi aerei israeliani hanno colpito sabato l'aeroporto di Khalkhar nel sud della Siria e un deposito di armi vicino a Damasco. È quanto sostiene il Jerusalem Post online, citando media siriani. La televisione siriana Al-Mayadeen ha tuttavia definito false le notizie dell'attacco aereo israeliano vicino a Damasco, citando una fonte dell'esercito siriano.

Secondo l'agenzia di stampa di Damasco Sana, gli aerei israeliani avrebbero colpito postazioni militari fuori dalla capitale, dove si sono sentite numerose esplosioni. La Siria ha «un pieno diritto a difendere le proprie terre ogni volta che Israele ricorre ad aggressività nei suoi confronti»: lo ha affermato a Gaza il portavoce di Hamas Fawzi Barhoum. Il comportamento della Siria, secondo Barhoum, «è una reazione naturale all'attacco israeliano nel suo territorio, un'aggressione che peraltro continua da tempo». Nel suo sito in ebraico il braccio armato di Hamas, Brigate Ezzeddin al-Qassam, fa intanto appello all'Onnipotente affinché «colpisca i sionisti e li elimini tutti, uno ad uno, fino a quando non ne restino più».

Nel secondo round di «attacchi su larga scala» condotti da aerei israeliani in Siria sono stati colpiti 12 obiettivi iraniani e siriani. Lo hanno reso noto fonti militari dello Stato ebraico, citate dal quotidiano Haaretz, secondo cui tra gli obiettivi attaccati ci sono quattro batterie di difesa anti-aerea siriana. Dall'inizio dell'operazione, hanno reso noto fonti del governo, il premier israeliano Benyamin Netanyahu viene costantemente informato di tutti i dettagli in tempo reale.

Per l'Iran sono «ridicole» le accuse di Israele che ha reso noto di aver intercettato e abbattuto un drone iraniano decollato dalla Siria verso lo Stato ebraico. «Le affermazioni riguardo il drone iraniano - ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Bahram Ghassemi, come riporta l'iraniana Press Tv - sono troppo ridicole perché se ne possa parlare». L'Iran, ha ribadito Ghassemi, è coinvolto in Siria a livello di «consulenza militare» su «richiesta del governo legittimo» di Damasco. Le forze siriane e il governo di Damasco, ha aggiunto, hanno il «diritto legittimo di difendere l'integrità territoriale» della Siria e di «reagire a qualsiasi aggressione straniera»
Sabato 10 Febbraio 2018, 10:16 - Ultimo aggiornamento: 12-02-2018 22:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-02-11 00:47:00
Criminali sono quelli che da Gaza continuano a lanciare razzi sul territorio israeliano.
2018-02-10 12:39:26
Costoro hanno imparato molto dal loro tragico passato, la legge che ad “ogni morto dei miei ci saranno 10-100 morti degli altri”, la legge del più forte, la legge dei criminali di guerra.
2018-02-10 15:23:36
e" tutto architettato, rendetevi conto....c "e chi fa le armi, chi li distribuisce per il mondo e...chi li VENDE..! Ora ,se non si usano le armi,NON SE NE VENDONO ALTRE E NON SI GUADAGNA. Per cui indovinate CHI sono i produttori e i trafficanti d' armi se non.............ci siamo capiti?....(non certo I Paesi poveri!....)

QUICKMAP