L'esercito israeliano uccide due palestinesi a Jenin: «Avevano ammazzato un rabbino»

Al termine di un prolungato scontro a fuoco l'esercito israeliano ha ucciso la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) due palestinesi responsabili, secondo la versione ufficiale, della uccisione di un rabbino avvenuta una settimana fa. Uno di essi era figlio di un dirigente di Hamas. Lo riferisce la radio militare secondo cui altri membri della stessa cellula sono stati arrestati. Feriti due militari israeliani, uno dei quali versa in condizioni gravi.

La radio militare ha precisato che nell' operazione un'unità di elite israeliana ha localizzato i ricercati in un edificio ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco. Ma presto è stata circondata da centinaia di abitanti del rione che hanno scagliato contro i militari sassi ed altri oggetti. Di conseguenza altre unità dell'esercito hanno fatto ingresso a Jenin. L'operazione si è conclusa con la demolizione dell'edificio dove si nascondevano i ricercati palestinesi.
Giovedì 18 Gennaio 2018, 09:06 - Ultimo aggiornamento: 19-01-2018 08:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-01-18 18:52:11
l'esercito israeliano con quello americano ammazza donne e bambini ogni giorno in tutto il mondo
2018-01-18 16:20:22
Con i Soldati Israeliani non si scherza...mica come gli incapaci italiani con le stellette che si fanno picchiare dalle baby gang...

QUICKMAP