Coree, missione compiuta: Kim Yo-jong ha lasciato i Giochi

E' ripartita per la Corea del Nord Kim Yo-jong, la sorella minore del leader Kim Jong-un. La delegazione nordcoreana ha chiuso la missione di tre giorni in Corea del Sud partita con la cerimonia d'apertura delle Olimpiadi di PyeongChang e segnata dall'incontro col presidente di Seul Moon Jae-in, invitato a visitare Pyongyang. Il gruppo, composto da 22 persone e guidato dal Capo dello Stato de facto Kim Yong-nam, ha lasciato il Sud a bordo di un aereo nordcoreano decollando intorno alle 22.24 locali (14.24 in Italia), ha riferito l'agenzia Yonhap. L'ultimo appuntamento per la delegazione nordcoreana è stato quello di seguire il concerto della Samjiyon Orchestra, il secondo della tournée, al Teatro nazionale di Corea a Seul. Insieme al presidente Moon Jae-in c'erano sia Kim Yo-jong sia Kim Yong-nam: la performance, concordata nell'ambito della partecipazione del Nord ai Giochi invernali, è stata curata dalla Samjiyon Orchestra, composta da 140 elementi tra cantanti, musicisti e ballerini, arrivata martedì alla città portuale di Donghae sul traghetto nordcoreano Mangyongbong-92.
 
 


Giovedì si è tenuto il primo concerto a Gangneung, vicino a PyeongChang, località che ospita le prove olimpiche su ghiaccio. Nel corso della giornata, il premier Lee Nak-yon ha ospitato un pranzo per la delegazione del Nord durante il quale ha detto che Pyongyang e Seul dovrebbero lavorare attivamente per creare le giuste condizioni per un incontro tra il leader Kim e il presidente Moon, che ieri ha ricevuto una lettera e un invito orale da Kim Yo-jong a recarsi a Pyongyang quanto prima. Seul, per realizzare il summit, ha posto alcune condizioni tra cui i progressi sulle relazioni bilaterali e sulla questione nucleare, nonchè la ripresa del contatto diretto tra Corea del Nord e Usa. 
Domenica 11 Febbraio 2018, 19:52 - Ultimo aggiornamento: 12 Febbraio, 00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP