Centomila dollari in spot su Fb a società russa durante le elezioni vinte da Trump

Facebook ha venduto spazi pubblicitari politici a una società russa durante le elezioni del 2016, vinte da Donald Trump. Lo rende noto lo stesso social network, sottolineando di aver rinvenuto circa 100mila dollari di spese pubblicitarie legate ad account falsi riconducibili probabilmente alla Russia. Nei messaggi pubblicitari non si faceva espresso riferimento al voto.

La maggioranza delle pubblicità è andata fra il giugno 2015 e il maggio 2017, ed era legata a circa 470 falsi account e pagine Facebook. «Le nostre analisi indicano questi account e queste pagine erano legate le une alle altre e probabilmente operate dalla Russia» afferma Facebook. Facebook ha riportato le informazioni raccolte alle autorità. L'ammissione del social network arriva infatti mentre sono in corso le indagini sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller. Le autorità hanno sentito nelle ultime ore l'ex consigliere alla sicurezza nazionale, Susan Rice, e secondo indiscrezioni nelle prossime ore, giovedì 7 settembre, sarà sentito privatamente Donald Trump Jr, uno dei figli del presidente Usa.
Mercoledì 6 Settembre 2017, 22:53 - Ultimo aggiornamento: 06-09-2017 22:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP