Toronto, furgone sulla folla: 10 morti e 15 feriti. Arrestato il conducente

Furgone piomba sulla folla a Toronto. «Tra otto e dieci feriti, si temono vittime»
ARTICOLI CORRELATI
Paura a Toronto, in Canada. Un furgone è piombato sulla folla. I feriti sono tra otto e dieci. Sarebbero 10 i morti e 15 i feriti secondo quanto dichiarato dal capo della polizia. Almeno 5 dei feriti sarebbero in gravi condizioni. La pista principale che verrebbe seguita in queste ore è quella del gesto portato a termine da una persona con disturbi mentali. Lo riportano alcuni media canadesi e americani, citando fonti vicine alle indagini. Pur non essendo esclusa al momento nessuna pista, starebbe quindi perdendo quota l'ipotesi di un attacco terroristico.

LEGGI ANCHE: Toronto, un turista «salvo grazie a una sigaretta»




La polizia avrebbe identificato il conducente del furgone. Secondo quanto riporta la Cbs si chiama Alek Minassian ed ha 25 anni. Sarebbe uno studente di origine armena del Seneca College di Toronto. Già conosciuto alle forze dell'ordine canadesi, Minassian avrebbe ricercato sul web notizie sulla strage del 2014 di Isla Vista, in California, quando un ragazzo di 22 anni investì e uccise 6 persone.

La scena che si è presentata agli occhi di polizia e soccorritori è stata impressionante, come testimoniano anche le immagini televisive e quelle postate sui social dai testimoni: tantissime persone a terra, alcune scaraventate a diversi metri di distanza. Molte di loro impiegati in pausa pranzo, visto che la zona è centrale e piena di uffici. Una scia di sangue lunga oltre un chilometro, tanto è durata la corsa del furgone, preso a noleggio, prima che la polizia lo circondasse e bloccasse la sua fuga. 

Fuga in cui il veicolo ha seminato una vera e propria devastazione, travolgendo tutto quello che aveva davanti: pedoni, cassette postali, pali della luce, panchine, idranti. Alla guida un uomo che gli agenti sono riusciti ad arrestare senza sparare un solo colpo, dopo una breve trattativa in cui lo hanno convinto ad arrendersi. Anche se alcuni testimoni raccontano di aver visto l'autore della strage estrarre una pistola e puntarla verso i poliziotti urlando: «Uccidetemi! Sparatemi alla testa».

Ma questo particolare, come altri, non sono stati ancora confermati, come nulla finora è trapelato sull'identità del conducente-killer. Altissima la tensione nella metropoli canadese dove in questi giorni sono in corso i lavori di alcuni G7 ministeriali, come quello dei ministri degli Esteri e quello dei ministri dell'Interno, a cui partecipano sia Angelino Alfano sia Marco Minniti. Anche se la sede di questi eventi dista circa 30 chilometri dal luogo dell'incidente. Gli investigatori al momento non azzardano ipotesi, spiegando come tutte le piste vengono seguite, anche se appare chiaro - affermano fonti della polizia - che si tratti di un «atto deliberato».

Nessuno però al momento azzarda l'ipotesi terrorismo. Di certo ci sono i racconti di alcuni testimoni che descrivono il furgone inseguire ad una ad una le sue vittime una volta salito sul marciapiede. Una versione anche questa in attesa di una conferma ufficiale da parte delle autorità canadesi, che subito dopo l'allarme hanno comunque deciso di fermare la linea della metropolitana che passa nella zona dell'incidente, invitando la popolazione ad evitare l'area. Intanto la Farnesina sta verificando se ci siano italiani coinvolti.

 
 



 
Lunedì 23 Aprile 2018, 20:06 - Ultimo aggiornamento: 24-04-2018 17:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-04-24 09:08:52
il conducente è stato arrestato? "bravi come siete umani voi" diceva fantozzi!

QUICKMAP