«Brexit, così Belfast resterà nella Ue»

di Cristina Marconi

LONDRA - La Brexit rischia di spaccare il Regno Unito. L'accordo raggiunto con Bruxelles lega infatti a tempo «indeterminato» il paese all'Unione europea, impedendogli una «uscita legale» da una soluzione temporanea con cui l'Irlanda del Nord resta di fatto parte della Ue per evitare un confine fisico con la repubblica irlandese. E' quanto si legge nel parere legale del procuratore generale Geoffrey Cox, reso noto al termine di una battaglia in Parlamento che ha visto il governo di Theresa May accusato per la prima volta nella storia di «oltraggio» dai deputati, a meno di una settimana dal voto cruciale con cui Westminster è chiamato a esprimersi sulla Brexit delineata dalla premier. Secondo il testo, che lo stesso autore Cox voleva tenere riservato per questioni di «interesse nazionale», la soluzione temporanea che scatterà nel 2020 qualora non fosse stato già raggiunto un accordo di libero scambio incastrerebbe il Regno Unito in una situazione di «stallo» e di «negoziati protratti» con l'Unione europea, dalla durata «indefinita» e senza «uscita legale» a meno che non ci sia il consenso di Bruxelles.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 6 Dicembre 2018, 10:30 - Ultimo aggiornamento: 06-12-2018 11:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-12-07 18:56:08
Gli inglesi sperimentano in casa loro gli effetti della "partizione", come hanno fatto in India, divisa in Pakistan, Bangladesh ed India e come hanno fatto in Medio Oriente, tutte zone destabilizzate dalla tracciatura di confini non rispondenti alle effettive appartenenze politico/religioso locali.
2018-12-06 18:59:38
Molto complicato

QUICKMAP