Roma, «Servono soldi per evitare che suo figlio venga arrestato», ma era una bugia

«Suo figlio ha provocato un incidente, deve pagare per evitare l'arresto». Con questa scusa una truffatrice ha cercato di farsi consegnare soldi da un'anziana, ma i carabinieri della stazione Roma San Lorenzo hanno arrestato la donna, una quarantaquattrenne napoletana, con l'accusa di truffa aggravata. La donna si era presentata a casa di una 70enne romana, residente in via degli Umbri, in qualità di incaricata di un avvocato che stava seguendo il fantomatico «caso» del figlio, coinvolto in un incidente per cui era stato trattenuto in una non meglio specificata caserma romana. Il finto avvocato aveva contattato telefonicamente la vittima, spiegandole che avrebbe dovuto versare una cospicua somma di denaro per far sì che il figlio venisse rilasciato dalle autorità ed evitargli l'arresto. In zona per un servizio perlustrativo, i carabinieri, hanno notato gli strani atteggiamenti tenuti dalla truffatrice che, dopo essersi guardata bene attorno, è entrata nello stabile dove vive l'anziana. La complice del finto avvocato era riuscita a farsi consegnare dalla vittima ben 3.500 euro, ma è stata bloccata dai militari all'uscita. L'intera somma è stata restituita alla legittima proprietaria mentre la truffatrice è stata arrestata e portata in caserma a disposizione dell'autorità giudiziaria.
Giovedì 16 Febbraio 2017, 19:29 - Ultimo aggiornamento: 18-02-2017 12:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP