Salvini, dall'Aquarius alle Comunali i trionfi del ministro che cancella la parola "buonismo"

Salvini, dall'Aquarius alle Comunali i trionfi del ministro che cancella la parola
ARTICOLI CORRELATI
Nove giorni al Viminale «valgono come 9 anni: sono invecchiato». Si sentirà addosso anche qualche anno in più dei suoi 45, ma il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, sorride felice ed alza il pollice in segno di vittoria nella conferenza stampa convocata nel pomeriggio alla sede della Lega Nord di via Bellerio a Milano. L'Aquarius prende la via della Spagna, il Carroccio fa il pieno alle Comunali. Per molti oggi il vero premier della coalizione è lui.

LEGGI ANCHE ----> Salvini: 
«Io in Libia entro fine mese»
 


È una grande giornata per il vicepremier e titolare del Viminale, dopo un weekend di preoccupazione. L'hashtag lanciato ieri dal ministro, #chiudiamo i porti, a sostegno della sua decisione di non far sbarcare in Italia la nave di Sos Mediterranee, gli aveva attirato critiche e dall'opposizione, dall'Europa e dalla Chiesa. «Ma le minacce e gli insulti dei buonisti mi danno più forza», spiega esultando dopo l'annuncio del premier spagnolo Pedro Sanchez che ha accettato di farsi carico della Aquarius. Una decisione che per il ministro dell'Interno conferma l'efficacia della sua linea dura sull'immigrazione, in continuità con la posizione tenuta in campagna elettorale. Una linea che paga anche in termini di consenso popolare, riflette, citando i risultati delle elezioni comunali di ieri che hanno fatto segnare un'avanzata della Lega ovunque.

La scommessa del leader leghista - ministro non solo di ufficio ma anche «di piazza» - finora sta dunque dando frutti. Dismessa la felpa in favore di completi ministeriali, Salvini non ha cambiato toni e contenuti delle sue esternazioni. Conferenze stampa, tweet, dirette facebook con le consuete parole d'ordine: «la pacchia è finita», la Tunisia «esporta galeotti», Malta «se ne frega», le ong sono «vicescafisti», i migranti «finti profughi». Strappi e spallate che stanno ad indicare che la ruspa non è in garage e che hanno anche creato qualche preoccupazione nelle ovattate stanze del Viminale, abituate allo stile opposto di comunicazione del precedente inquilino, Marco Minniti. «Stiamo facendo di più noi in una settimana che la sinistra in sette anni», ha riassunto su Facebook, replicando alle critiche ed annunciando i suoi prossimi passi sul fronte migranti: un viaggio in Libia, dove conta di spingere sulla creazione di porti sicuri e campi profughi per frenare le partenze.

Uno scossone alle alleanze in seno alla Ue perchè «la Commissione adempia finalmente ai suoi doveri nei confronti dell'Italia». Il ribaltamento della strategia dell'accoglienza in Italia, dove punta sulla creazione di Centri di permanenza per il rimpatrio per «riuscire finalmente a mandare via chi non ha diritto a stare qui». E torna d'attualità la lista delle caserme dismesse chiesta a suo tempo al ministero della Difesa. Ci sarà poi il taglio dei 35 euro al giorno garantiti alle cooperative che gestiscono i centri per ogni migrante accolto: «voglio vedere - spiega - se i solidali per professione continueranno ad esserlo con meno soldi in tasca». Una strategia a tutto campo, dunque, che prevede di tenere sempre l'acceleratore premuto, anche in funzione di deterrenza in vista di un'estate che si annuncia complicata sul fronte dei flussi migratori.
Lunedì 11 Giugno 2018, 20:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP