I bulli picchiano il figlio di 10 anni, la famiglia prende a sprangate i suoi aggressori | Video

7
  • 2450
Il figlio di 10 anni viene picchiato dai bulli e i familiari si vendicano prendendo a sprangate chi lo aveva umiliato. È accaduto a Ragusa, dove la Polizia ha denunciato per rissa una coppia di albanesi e il bullo 16enne, che domenica 8 aprile si era pulito le scarpe sulla faccia e sui vestiti del bimbo.

A interrompere la vera e propria spedizione punitiva è stato un poliziotto libero dal servizio che passando in auto da via Coljanni, davanti l'ingresso di una sala giochi, ha notato un uomo armato di spranga in ferro picchiare un ragazzo, mentre altri scappavano via. L'intervento immediato ha posto fine alla furia dell'aggressore, che ha gettato subito la spranga. Insieme a lui anche la moglie, armata di una stecca da biliardo anche questa subito gettata a terra.

Grazie alle immagini dell'impianto di videosorveglianza e ai racconti dei testimoni gli investigatori sono riusciti a ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. A scatenare la rissa era stato un atto di bullismo. Gli amici del 16enne avevano tirato un uovo e alcuni schizzi erano finiti sulle scarpe del ragazzino facendo ridere tutti. Pensando che l'uovo fosse stato lanciato proprio dal bimbo, il 16enne, però, lo aveva aggredito e spinto a terra. Poi lo aveva umiliato pulendosi le scarpe prima sulla sua faccia e poi sui vestiti. Una volta a casa il bambino ha raccontato tutto ai genitori che hanno deciso di farsi giustizia da soli.

Giunto nella sala giochi frequentata dai ragazzi del quartiere, il padre della piccola vittima ha chiamato il 16enne e lo ha preso a schiaffi. Poi si è allontanato tornando subito dopo armato di spranga, deciso a punire i ragazzi che avevano umiliato il figlio. Mentre sferrava i primi colpi con la spranga, il 16enne lo ha colpito con un casco. E' stato a quel punto che anche la moglie dell'uomo è intervenuta, impugnando una stecca da biliardo e minacciando tutti di non avvicinarsi mentre il marito si faceva giustizia da solo. Il bullo, inseguito dal suo aggressore, ha raggiunto l'uscita e qui, sotto l'occhio della telecamere, è stato pestato fino all'arrivo del poliziotto. Per la coppia e per il 16enne è così scattata la denuncia per rissa.
Venerdì 20 Aprile 2018, 18:54 - Ultimo aggiornamento: 21-04-2018 16:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-04-22 12:06:20
C'era un altro modo di farsi giustizia da solo, visto che le istituzioni si ostinano a considerare minorenni dei maggiorenni in quanto delinquenza: andare dai genitori del bullo, raccontare il fatto e pretendere che i genitori del bullo provvedano a darle di santa ragione al figlio bullo, mazze e panelle fanne e figlie belle! E pretendere anche le scuse. Non vi pare? Adesso passeranno da vittime e carnefici.
2018-04-21 14:24:39
Spero il bla bla non lo condanna e dare la medaglia visto che ha fatto il lavoro che le istitzioni non fanno
2018-04-21 08:54:34
Se succede a me cercherò di non farmi vedere dalla polizia. Scherzi a parte, il genitore cosa ha in mano per difendersi legalmente in questi casi? I bulli sono under 18 e le leggi non puniscono i minori per bullismo e le scuole fanno loro solo un favore quando li espellono. Quindi? Se picchi mio figlio, io ti vengo a cercare. Purtroppo è sacrosanto.
2018-04-21 08:34:06
E' già un inizio.
2018-04-21 07:33:20
Ha fatto bene il padre del ragazzo a difendere il figlio...Lo Stato italiano assieme a polizia e carabinieri, non valgono niente

QUICKMAP