Caos Campidoglio: spunta
una terza polizza intestata alla Raggi

ARTICOLI CORRELATI
23
  • 413
L'inchiesta per abuso di ufficio della Procura di Roma che tiene insieme la sindaca Virginia Raggi, il suo ex capo della segreteria Salvatore Romeo e l'ex capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra squarcia un nuovo velo di segretezza. E la storia prende ora un ennesimo giro. Due i fatti nuovi. Il primo: le polizze sulla vita accese da Salvatore Romeo "a beneficio e insaputa" di Virginia Raggi sono tre.

Non due, come noto sin qui. E la terza, di 8 mila euro, è stata accesa da Romeo il 26 gennaio scorso, quarantotto ore dopo la notifica dell'avviso a comparire alla Raggi. Il secondo: Salvatore Romeo era titolare di una cassetta di sicurezza che venne completamente svuotata il 19 dicembre 2016, un lunedì. Primo giorno utile dopo l'arresto di Raffaele Marra, entrato a Regina Coeli con l'accusa di corruzione il venerdì precedente, il 16 dicembre. E dunque, che significato hanno queste due nuove circostanze? In che modo autorizzano a leggere o rileggere i rapporti tra tre dei "quattro amici al bar" che per otto mesi hanno avuto le chiavi della città? Quale partita si sta giocando? Chi è vittima, se ce ne è una, e chi carnefice? Per provare ad afferrare un filo e abbozzare qualche parziale risposta, conviene tornare al momento in cui questa storia conosce il suo ennesimo twist: la notte dell'8 febbraio scorso, quando Salvatore Romeo entra alle 19 negli uffici della Procura di Roma, da cui uscirà alle 2 del mattino. "Ho passato giorni migliori", dice. E ora si capisce il perché. Il Procuratore aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Francesco Dall'Olio hanno in mano un atto acquisito dai nuovi accertamenti della squadra mobile di Roma che li sconcerta. E' appunto una terza polizza vita del modesto valore di 8 mila euro accesa da Romeo con beneficiaria Virginia Raggi. Stesse modalità delle altre due (risalenti al gennaio 2016, sei mesi prima dell'elezione della Raggi a sindaca di Roma e della nomina di Romeo a suo capo della segreteria) e dunque identica impossibilità della "ignara" beneficiaria (la Raggi) di riscuotere il premio in circostanze diverse da quelle della morte dell'assicurato.

Ma dal tempismo apparentemente "irragionevole", al limite dell'autolesionismo. Dunque - domandano i pm a Romeo - per quale diavolo di ragione era stata accesa quella terza polizza in un momento in cui l'indagine della Procura aveva acceso un faro sulle precedenti due e la Raggi si preparava per giunta ad affrontare il suo interrogatorio? Per metterla in difficoltà? Per alzare una cortina di fumo? Romeo mette a verbale una risposta buona per chi vuole crederci. "Ho acceso la terza polizza per affetto verso Virginia Raggi. E lo volevo fare in un momento per lei particolare". Come se volesse dare ad intendere che in quella sua decisione non avesse giocato neppure per un attimo la considerazione che non era esattamente quello il momento per dimostrare "vicinanza" con una bella assicurazione già oggetto di indagine. Che accendere polizze sulla vita ad insaputa della Raggi equivalesse al rito di un cero ex voto. Dunque? C'è una seconda ipotesi. Più raffinata. Che la mossa di Romeo, in quell'ultima settimana del gennaio scorso, sia studiata. E lo sia per precostituirsi la spiegazione che lui stesso si prepara a dare ai pm, secondo la quale quell'accendere assicurazioni a beneficio di ignari "amici" e "persone stimate" sia una prassi così innocua e "seriale" che aveva ritenuto di doverla e poterla proseguire anche nel pieno di un'inchiesta che lo coinvolgeva insieme alla beneficiaria (la Raggi) e che aveva quale suo oggetto proprio l'esame della natura e del fine di quelle polizze.

Decisive per comprendere l'esistenza o meno di un conflitto di interesse. Se così fosse, se Romeo cioè manovra non per dabbenaggine, ma perché ossessionato dalle sue polizze, bisognerebbe capire il perché. Per complottare a danno della Raggi? Per proteggerla insieme a se stesso? Per proteggere se stesso e qualcun altro? E su questo, quella notte dell'8 febbraio, c'è una seconda circostanza che eccita la curiosità dei pm.

Una cassetta di sicurezza. Le indagini patrimoniali della Squadra Mobile hanno infatti scoperto che, dal 2011, collegata a un conto corrente di cui Romeo è titolare, c'è una cassetta di sicurezza di cui lo stesso Romeo ha indicato come "comodataria" (utilizzatrice) una sua amica. Di più: hanno scoperto che quella cassetta di sicurezza è stata aperta e svuotata del suo contenuto la mattina del 19 dicembre 2016, un lunedì, primo giorno utile di apertura della banca dopo una data che in questa storia conta. Il 16 dicembre, un venerdì, quando Raffaele Marra, che di Romeo è il fratello siamese in questa storia, viene arrestato per corruzione per la compravendita di favore di un appartamento del costruttore Scarpellini.
Giovedì 16 Febbraio 2017, 08:35 - Ultimo aggiornamento: 17-02-2017 12:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2017-02-16 08:40:32
e basta mo cambiamo sindaco please
2017-02-16 09:55:14
Il solito fango della stampa...da Bruxelles ci intimano di rimettere a posto i conti pubblici altrimenti rischiamo un'infrazione da 3,4 miliardi di euro (una manovra bis che vale lo 0,2% del Pil), grazie alle marchette elettorali di Renzi e il popolo come sempre deve sempre pagare!! E invece, qua ci mettiamo a discutere delle polizze intestate alla Raggi, di cui agli italiani non gliene può fregare di meno. Suvvia!!
2017-02-16 11:04:51
Tutta questa vicenda non mi interessa minimamente nel suo penoso squallore. Ciò che mi sorprende è che il movimento, a cui appartengono questi personaggi, potrebbe vincere le elezioni e andare a governare l'Italia!
2017-02-16 11:53:16
Mi vien da ridere a pensare cosa sarebbe stato scritto sul blog di grillo in relazione a quanto sta succedendo a Roma se ci fosse stato un Sindaco non grillino...... altro che fango. Ma se questa di Roma è un "study case" , per favore grillini potete già da ora predisporre la eventuale squadra di Governo del Paese qualora raggiungiate il 40% dei voti alle prossime elezioni? portatevi avanti con il lavoro ed evitate sorprese... forza popolo di grillini incominciate a fare il toto governo. Tutto questo per dire che il M5S non è uguale a gli altri ma che gli altri sono uguali a loro, parlano bene (all'opposizione) e razzolano male al governo. il popolo italiano ha il governo che più lo rappresenta; con 70 mld di euro per sorreggere il debito pubblico su cui NESSUNO avanza proposte di riduzione ( è più bello dire dove bisogna spendere ) , 120 di evasione fiscale, 70 di corruzione, 80 di gioco d'azzardo, e con tre multinazionali del crimine che fanno impallidire i fatturati dei colossi di economia e finanza, cosa si può sperare. Dietro questi numeri ci sono milioni di Italiani che o non votano o che votano questa gente che noi ci troviamo. Il problema non è politico ma culturale; ci siamo noi in questi (in maggioranza) ed in un Paese democratico vince la maggioranza cioè i peggiori.
2017-02-16 13:33:29
@italozamprotta: beh, negli ultimi 20 anni al governo ci sono stati Berlusconi, D'Alema, Bersani, Monti, Letta, Renzi...e guarda dove ci hanno portato, grazie a questi personaggi siamo diventati l'ultimo paese europeo per crescita del Pil (meglio di noi anche Bulgaria e Romani, pensa te!!), pertanto a questo punto, cosa ci sarebbe di male se adesso provassimo a far governare l'unico partito che sta VERAMENTE dalla parte degli italiani? Evviva il M5S

QUICKMAP