«Obbligo vaccini è tso ai bambini»
bufera sul post Facebook di Povia

«L'obbligo dei vaccini è legge, ma anche le leggi razziali lo erano, non per questo erano giuste». E ancora: «La legge sull'obbligo dei vaccini vuol dire trattamento sanitario obbligatorio sui bambini». Con queste frasi 
torna a suscitare polemiche Povia, il cantante diventato famoso per i bambini e i piccioni delle sue canzoni, per poi scaldare l'opinione pubblica cantando «Luca era gay, ma adesso sta con lei» e che da anni abbraccia battaglie anti gender e anti vaccini sui social. 
 

Con un video pubblicato sulla sua pagina Facebook, Povia ha espresso la sua opinione. Un post che in poco meno di 24 ore è stato visualizzato oltre 200mila volte, con migliaia di reazioni, commenti e condivisioni. Immediate le reazioni degli utenti, tra pro e contro:  «Grande...Povia... che queste cose hai il coraggio di dirle», scrive Mario. «Il comportamento criminoso lo adotti tu - replica Vito - diffondendo delle assurdità senza alcuna competenza in merito! Non ci sarebbe stato bisogno di una legge simile se ci fosse stata gente che si fosse basata solo sul buon senso e non fuorviata da gente come te».
Domenica 21 Maggio 2017, 14:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP