Muore mentre fa riabilitazione: si ​era operato 20 giorni fa al ginocchio

Antonio Cabrellon
di Vittorino Bernardi

È morto a 44 anni, nella sua casa di via Btg. Monte Berico, Antonio Cabrellon,mentre faceva esercizi fisici per la riabilitazione del suo ginocchio operato una ventina di giorni prima nell’ospedale di Negrar (Verona). I sanitari del Suem intervenuti per i soccorsi nulla hanno potuto fare per strapparlo dalla morte. È stato un decesso improvviso, probabilmente provocato da un’embolia polmonare.

Sul caso sono intervenuti i carabinieri della locale stazione comandata dal maresciallo Ugo Turriziani. La procura di Vicenza con il pm Hans Roderich Blattner ha avviato un’inchiesta e disposto l’autopsia sulla salma per capire se il decesso avvenuto mercoledì verso mezzogiorno possa essere collegato all’intervento al ginocchio. Appassionato di sport e animatore di tornei estivi di calcetto all’oratorio di Lumignano, aveva ideato la corsa dei carrettini che da 5 anni si svolge a Lumignano nell’ultima domenica di giugno. Antonio Cabrellon, operaio, ha lasciato la moglie Cristina e le figlie Serena e Noemi.
Sabato 14 Aprile 2018, 11:24 - Ultimo aggiornamento: 16-04-2018 08:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP