Lucca, bulli contro il prof: bocciatura per tre di loro

Lucca, bulli contro il prof: bocciatura per tre di loro
ARTICOLI CORRELATI
Per tre degli studenti bulli coinvolti nella vicenda delle minacce al professore dell'Itc di Lucca ci sarà la bocciatura. Lo ha deciso il consiglio di istituto riunitosi oggi. Per altri due studenti ha confermato invece la sospensione fino al 19 maggio, ammettendoli però agli scrutini.

LEGGI ANCHE: Lucca, prof bullizzato, Fedeli: «Non ammettere a scrutini studenti coinvolti»

 


iL CON

Il consiglio di sitituto ha quindi accolto la proposta che per prima ha fatto il ministro dell'Istruzione Fedeli la quale aveva invitato il corpo docente a non ammettere agli scrutini i ragazzi coinvolti nella vicenda. Due i video circolati in rete che documentano gli atti di bullismo, le minacce e le umiliazioni del gruppetto di studenti ai danni del professore.

Ieri il consiglio di classe aveva proposto 5 bocciature, collegate alla sospensione fino a fine anno per due studenti e fino al 19 maggio per altri tre: per quest'ultimi la perdita dell'anno, aveva spiegato il presidente dell'Itc Carrara Cesare Lazzari, diventava automatica a causa della sospensione superiore a 15 giorni. Oggi invece il consiglio di istituto, riunitosi per circa quattro ore, dalle 12 alle 16, ha rivalutato la posizione di due studenti, alla luce, spiega il preside Cesare Lazzari, di informazioni «utili» rese da uno dei giovani coinvolti che è stato ascoltato stamani (ieri non aveva potuto partecipare al consiglio di classe), dello statuto degli studenti, della valutazione delle presenze complessive durante l'anno scolastico e anche nell'ottica di non precludere un possibile recupero del percorso didattico. Motivo per cui rimane la sospensione fino al 19 maggio ma saranno ammessi agli scrutini.

È stata anche valutata la recidiva nelle condotte: i due, ha spiegato sempre il preside, non erano stati sospesi in precedenza, a differenza degli altri tre. Lazzari ha tenuto a precisare che «non è un premio: gli alunni che rientrano dovranno sudare sette camicie», spiegando inoltre di non sapere se le famiglie decideranno di mandarli nuovamente a scuola, una volta conclusa la sospensione.
Sabato 21 Aprile 2018, 16:18 - Ultimo aggiornamento: 23 Aprile, 16:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-04-22 13:38:48
Fossi nei genitori degli altri alunni chiederei un risarcimento per le ore di lezione perse, che non sono poche a quanto pare, fossi autorità li manderei al riformatorio. Dovrebbero andà a ZAPPARE LA TERRA.
2018-04-22 11:39:15
non basta bocciarli bisognerebbe dare a questi ragazzacci una lezione di maggiore durezza come imporre durante il periodo estivo un lavoro in una struttura agricola a lavorare nei campi come braccianti insomma devono assaporare la fatica ed il sudore e soprattutto a rispettare il prossimo....
2018-04-22 11:30:08
qualcosa mi sfugge ....quando io andavo a scuola la bocciatura era riservata ai ragazzi che non studiavano..... mentre per i delinquenti c'era il riformatorio,
2018-04-22 08:17:43
d'accordissimo sulla bocciatura dei tre ragazzi. Ma interroghiamoci anche su un professore che non riesce a dimostrare la sua autorità in una scuola non certo in un quartiere disagiato del profondo sud. Penso che anche questo faccia parte dell'insegnamento da dare ai nostri ragazzi, che hanno bisogno di figure autorevoli che possano dare loro il discernimento di quello che possono o non possono agire in una società civile. E dove, se non nella scuola?
2018-04-23 14:24:59
Potrebbero essere figure autorevoli se fossero tutelate dalla scuola e dalla giustizia, ma dato che ciò non accade, quindi i ragazzi restano cmq impuniti, magari ricevendo anche ritorsioni da parte degli stessi o dai genitori fuori dalla scuola, preferiscono tacere! vuoi dargli torto?

QUICKMAP