Via libera al decreto dignità:
licenziare diventa più caro

ARTICOLI CORRELATI
di Andrea Bassi

  • 882
 La sintesi politica del provvedimento l’ha fatta Luigi Di Maio. Il ministro del lavoro e dello Sviluppo economico, ha detto senza mezzi termini che con il decreto dignità «iniziamo a smantellare il Jobs act». Il varo del testo arriva nel giorno in cui l’Istat ha diffuso i dati sulla ripresa del mercato del lavoro, ma che secondo Di Maio consegnano «un record di precariato e non di occupazione». Le “picconate” alla riforma principe del governo Renzi non sono poche. La più rilevante riguarda il costo dei licenziamenti. Il contratto a tutele crescenti introdotto dal precedente governo, prevedeva la possibilità di licenziare il lavoratore anche «senza giusta causa» a fronte del pagamento di una liquidazione da 4 a 24 mesi a seconda dell’anzianità del lavoratore. Il decreto “dignità” aumenta l’indennizzo massimo a 36 mensilità, tre anni di stipendio. Le norme più rigide non riguarderanno solo i licenziamenti, ma anche le assunzioni a termine. La durata massima del lavoro a tempo scenderà da 36 mesi a 24 mesi. Torneranno anche le causali. Solo il primo contratto potrà non avere un “oggetto”, dal primo rinnovo in poi sarà necessario inserirlo.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 3 Luglio 2018, 08:54 - Ultimo aggiornamento: 03-07-2018 11:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP