Foggia, in migliaia sfilano contro le mafie

Sfila per le vie di Foggia il corteo per la 23/ma 'Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafiè, alla quale partecipano migliaia di persone. La manifestazione è promossa da Libera e Foggia è la piazza principale della Giornata che si terrà contemporaneamente in altri quattromila luoghi in Italia, Europa e America Latina. Apre il corteo un lungo striscione con la scritta 'Liberi Tutti, Diritti e saperi contro mafie e disuguaglianzè della Rete della conoscenza. Migliaia gli studenti, ci sono tutte le scuole di Foggia. I ragazzi agitano anche una lunga bandiera della Pace. Alla manifestazione partecipano, tra gli altri, il presidente del Senato, Pietro Grasso; il reggente del Pd, Maurizio Martina; il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano; il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta; il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro; la presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi; il fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, centinaia di parenti delle vittime di mafia.

In corteo anche i segretari generali dei sindacati, rappresentanti delle istituzioni e delle forze dell'ordine. Tema di quest'anno è 'Terra, solchi di verità e giustizià. E don Ciotti nei giorni scorsi ha scritto agli organi di informazione spiegando che Foggia è stata scelta per «denunciare la potenza e la ferocia di una mafia emergente ma colpevolmente sottovalutata, responsabile in questi anni di tanti omicidi, il più delle volte impuniti, a carico anche di innocenti». Secondo i dati a disposizione di Libera, in Puglia le vittime innocenti di mafia sono 70, di cui almeno il 30% sono donne e bambini.


«Sono qui a Foggia per accendere i riflettori su questa zona che insieme a Napoli e alla Campania è ancora attraversata da manifestazioni di violenza». Lo ha dichiarato il presidente del Senato Grasso nel corso della manifestazione contro la mafia che si sta tenendo a Foggia e che vede la presenza e la partecipazione di migliaia di persone. «Questo non deve essere un momento di sottovalutazione del fenomeno, ma di attenzione su questi territori. E questo il significato della nostra presenza». Grasso ha poi manifestato la sua soddisfazione per la presenza di tanti studenti. «I giovani sono coloro su cui noi anziani contiamo per poter avere l'idea di futuro migliore del nostro paese. Nei loro occhi leggo la speranza di partecipare e questo dà anche a me la forza di continuare su questa che è una lotta per la verità e la giustizia».

«Qui piove ma oggi c'è lo stesso la primavera: ci sono migliaia e migliaia di giovani, adulti e associazioni che stanno camminando insieme» dice fondatore di Libera. Per don Ciotti, affinché l'impegno contro le mafie sia quotidiano, è necessario «scrivere nelle nostre coscienze tre parole». «La prima - ha detto - è continuità, la seconda è la condivisione perché è il noi che vince, la terza è la corresponsabilità, cioè il chiedere alle istituzioni che facciano la loro parte, e se non la fanno dobbiamo essere una spina per chiedere conto». «Il cambiamento - ha rilevato - ha bisogno di tutti. Noi lo chiediamo alla politica, alle istituzioni, ma dobbiamo chiederlo anche a noi come cittadini: abbiamo bisogno di cittadini responsabili - ha concluso - non di cittadini a intermittenza a seconda delle emozioni e dei momenti».
Mercoledì 21 Marzo 2018, 11:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-03-21 13:43:52
Rosy Bindi presidente della commissione anti mafia? Ma non è passato carnevale? E poi...come tutte le donne, dovrebbe stare in casa a fare la frittata e a badare ai figli !

QUICKMAP