Fece uccidere il marito, Patrizia Reggiani sarà presto libera

Patrizia Reggiani
di Angela Calzoni

Sorridente e sollevata, perché dopo 22 anni la sua odissea giudiziaria potrebbe essere finita. Patrizia Reggiani, condannata a 26 anni di carcere per l’omicidio del marito Maurizio Gucci, freddato da un sicario nel 1995 davanti al portone della sua casa in via Palestro nel cuore di Milano, potrebbe tornare libera.

La decisione spetterà al tribunale di Sorveglianza, che dovrà pronunciarsi sulla revoca della misura di tre anni di libertà vigilata, che la donna dovrebbe affrontare dopo aver terminato di scontare la pena detentiva. La pubblica accusa non si è opposto alla revoca, e se il giudice acconsentirà la Reggiani, che ha trascorso 17 anni nel carcere di San Vittore e altri quattro in affidamento in prova ai servizi sociali, non avrebbe più alcun obbligo con la giustizia.

La donna, assistita dall’avvocato Danilo Buongiorno, nell’ultimo periodo ha lavorato per alcuni anni nello showroom di alta bigiotteria Bozart, nel centro di Milano. «Gli ultimi quattro anni di libertà sono stati bellissimi - ha detto Reggiani - ma io stavo bene anche prima, al Victor Residence», alludendo al carcere di San Vittore.
Venerdì 17 Febbraio 2017, 08:50 - Ultimo aggiornamento: 17-02-2017 09:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP