Bologna, chi è Riccardo Muci, l'agente eroe che ha salvato decine di persone dall'inferno di fuoco

Il poliziotto Riccardo Muci (foto LecceSette)
ARTICOLI CORRELATI
  • 1904
Riccardo Muci è uno dei feriti dell'incendio di Bologna, ma è anche un poliziotto e un "eroe", che nei primi minuti dell'esplosione era intervenuto per bloccare il traffico. Ha 31 anni ed è un poliziotto di Copertino, in provincia di Lecce, che presta servizio a Bologna.

Bologna, identificato l'autista dell'autocisterna esplosa
Bologna, distrutto un ristorante: il racconto del titolare

Riccardo Muci è stato uno dei primi ad intervenire subito dopo l'incendio che ha coinvolto un'autocisterna sul viadotto che sovrasta la via Emilia a Borgo Panigale: l'agente è rimasto ustionato alla schiena in seguito alla forte esplosione e alla deflagrazione che è seguita.

 


La maglietta ignifuga indossata dall'uomo si è liquefatta e ciò ha comportato le ustioni di secondo grado. Il poliziotto era intervenuto per bloccare il traffico diretto sotto il viadotto poi in parte crollato.



Le sue condizioni sono stabili e non destano preoccupazioni: l'agente è ricoverato a Cesena, nel reparto grandi ustionati dell'ospedale "Bufalini", sta reagendo con il sorriso. Stamattina il poliziotto ha ricevuto la visita del premier Giuseppe Conte, che ha pubblicato sul suo profilo Instagram la foto della stretta di mano. 


«Sono un poliziotto e ieri ho fatto solo il mio lavoro. Mi lusinga l'appellativo di eroe ma sono sicuro che qualunque altro poliziotto o carabiniere che si fosse trovato in quella situazione avrebbe fatto quel che ho fatto io: cercare di garantire la sicurezza dei cittadini», ha detto Muci. 
 
 
Martedì 7 Agosto 2018, 10:44 - Ultimo aggiornamento: 07-08-2018 15:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP