Rospi tossici, «i predatori non possono mangiarli»: scatta l'allarme per l'ecosistema

Rospi tossici, «i predatori non possono mangiarli»: scatta l'allarme per l'ecosistema
ARTICOLI CORRELATI
di Domenico Zurlo

Rospi tossici. È l’ultimo allarme che viene dall’Africa, in particolare dal Madagascar, dove una specie invasiva di rospi potrebbe devastare l’ecosistema dell’isola, poiché le tossine della sua pelle sarebbero letali per qualsiasi predatore: le autorità locali sono preoccupate per questa specie, portata in queste zone nel 2011.

Secondo gli esperti, questa specie di rospi in Asia ha avuto vita più difficile perché i predatori, col tempo, si sono evoluti per resistere alla loro pelle velenosa: ma il Madagascar è un’isola, e per i predatori (che vanno dai cinghiali ai ratti a gabbiani, volpi e corvi) potrebbe essere più difficile.



La conferma arriva da uno studio internazionale condotto da esperti della Bangor University, della School of Tropical Medicine di Liverpool, dell’Università di Braunschweig e dei musei di storia naturale di Monaco, Stoccarda e Torino. Analizzando i geni di serpenti, lucertole, rane, mammiferi e uccelli che potrebbero potenzialmente nutrirsi dei rospi, hanno trovato solo un animale in grado di resistere alla tossina: un particolare tipo di roditore, della famiglia dei Brachytarsomys.

Peraltro l’ingresso di questi rospi non è avvenuto per caso, ma appositamente per nutrirsi degli insetti che si nutrono di canna da zucchero, il che scarica la responsabilità di questo potenziale disastro sugli stessi ricercatori. “I nostri risultati confermano come questi rospi invasivi possano avere un impatto significativo sull’ecosistema, mettendo in pericolo potenzialmente molte delle specie animali che si trovano in Madagascar”, ha detto Nicholas Casewell, della Liverpool Shool of Tropical Medicine.
Martedì 5 Giugno 2018, 10:53 - Ultimo aggiornamento: 05-06-2018 11:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP