Regno Unito, misteriosa scomparsa di sette gatti neri da due villaggi dello Yorkshire

di Antonio Bonanata

Pare che il momento in cui cominciarono a godere di cattiva fama risalga al Medioevo: simboli del male, animali satanici, personificazione di oscure forze diaboliche, segni di sventura e disgrazia, soprattutto quando attraversano la strada. Stiamo parlando dei gatti neri, che in larga parte del sentire comune godono tuttora di una brutta nomea.
Forse queste antiche superstizioni c’entrano qualcosa con quello che è successo nelle scorse settimane nello Yorkshire, nordest dell’Inghilterra: una misteriosa scomparsa di ben sette gatti, tutti neri e di proprietà degli abitanti di due piccoli centri della contea inglese, Croft-on-Tees e Dalton-on-Tees. Sono spariti nel nulla da un giorno all’altro, in successione; allontanatisi dalle case in cui vivevano, non vi hanno più fatto ritorno. I legittimi proprietari, allarmati dalla strana coincidenza, hanno creduto opportuno avvertire le autorità, avanzando qualche ipotesi sull’imminente ricorrenza della festa di Halloween, che sulla stregoneria e i riti satanici ha alimentato la propria popolarità.

«Siamo arrivati all’inevitabile conclusione che qualcuno li ha presi e stiamo cercando di darci una spiegazione» ha dichiarato a questo proposito Harriet Boyd, che vive a Croft e ha perso le tracce di Austin e Arthur, i suoi due mici. «Tutti i gatti scomparsi sono neri, nessuno di altri colori è sparito e tutto questo è molto strano e misterioso». La signora Boyd, che due anni fa accolse Austin e Arthur in casa, quando erano solo due cuccioli, ha chiarito che le bestiole non si erano mai allontanate dall'abitazione per più di un giorno. Oltretutto, erano benvoluti dai vicini e noti agli altri abitanti del villaggio.

«Ho affisso avvisi ovunque, mandato mail a tutto il paese, allertato con bollettini locali o sui social network, ma nessuno ha visto nulla» ha spiegato ancora Harriet, precisando che i figli di dieci, otto e cinque anni sono molto addolorati. «Dopo la scomparsa di Arthur, Austin è uscito di casa. Pensavo che stesse male. Ma l’ho visto l’ultima volta al mattino e da allora non è più tornato». La donna ha dichiarato alla stampa che quando anche Tom, il gatto del suo vicino, è scomparso una settimana più tardi, si è detta che era arrivato il momento di chiamare la polizia. «Non c’erano segni evidenti della presenza di alcun animale ma, se fossero stati eliminati, qualcuno in un modo o nell’altro ci avrebbe avvisato».

Jackie Schmidt, la proprietaria di Tom, ritiene queste scomparse «un vero mistero, proprio come se si fossero dissolti nell’aria. Ci sono un sacco di gatti nei nostri villaggi, ma solo quelli neri sono spariti» ha dichiarato la donna. Jane Parlour, invece, vive lungo la strada che porta a Dalton e da giorni non ha notizie di due dei suoi gatti, anch'essi neri (ne ha altri, ma questi non sono scomparsi); Jane, inoltre, è venuta a conoscenza della sparizione di altri due gatti nell’altro borgo bagnato dal fiume Tees. «È proprio strano, tutti i felini spariti erano accuditi con cura e vivevano in buone famiglie» ha detto alle autorità, che confermano le indagini in corso e, attraverso un portavoce della polizia, fanno sapere che «gli ufficiali stanno lavorando per appurare tutte le circostanze del caso».

 
Mercoledì 4 Ottobre 2017, 15:04 - Ultimo aggiornamento: 04-10-2017 18:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP