Lieto fine per la cagnolina Emily: il cucciolo era stato aggredito e dato alle fiamme

di Carmela Santi

 Si è conclusa nel migliore dei modi la terribile storia della cagnolina Emily.

Il cucciolo di pastore maremmano, infatti, nel settembre 2016, ad Ascea era stato oggetto di un gesto folle e brutale: un gruppo di balordi aveva tentato di dare fuoco all’animale che, agonizzante, si era riversato lungo la strada che conduce a Velia. La cagnolina era stata prontamente soccorsa e curata da una volontaria, Gabriella Petrillo.   

Emily, nonostante l’atrocità dell’esperienza subita, si è fin da subito dimostrata docile e bisognosa di amore. Per questo, è stata lanciata una campagna di adozione, con l’obiettivo di trovare presto una casa per la piccola maremmana.

L’iter, lungo e spesso tortuoso, del passaparola mediatico, ha condotto la cagnolina sino a Brescia: qui, una lettrice, Emanuela Guzzoni, dopo aver appreso della terribile vicenda dell’animale , ha deciso di prendere un treno e raggiungere il Cilento per incontrare la volontaria, Emanuela Ferraro, responsabile della custodia della cucciola.

Oggi, Emily ha, finalmente, il suo lieto fine: è felice e amata, nonostante la piccola cicatrice sul fianco che le ricorda, sempre, che, nonostante il dolore, è possibile tornare a vivere.
Domenica 21 Gennaio 2018, 16:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP