Il micio randagio ha l'Aids e il Comune spende 2.120 euro per curarlo: scoppia la polemica

È polemica a Campobello di Mazara (Tp) per la spesa che il comune ha sostenuto per curare un gatto randagio affetto dall'Aids felino. Costo per l'assistenza 2.120 euro. Il 30 dicembre 2016 l'animale malato fu segnalato alla polizia municipale da un cittadino. Gli agenti lo fecero visitare a un veterinario. Poi il trasporto alla clinica San Vito di Mazara del Vallo. Da lì è iniziato l'iter d'assistenza per capire la patologia: le analisi del sangue, quelli specifici contro i virus e la diagnosi.

Per il gatto, riporta il Giornale di Sicilia, è iniziata la cura farmacologia. «Nel centro il felino è rimasto dal 30 dicembre 2016 al 28 febbraio scorso - spiega Giuliano Panierino, comandante della polizia municipale - poi, è rimasto ancora lì sino al 7 aprile prima che un' associazione, lo adottasse». La determina di spesa ha scatenato le critiche del gruppo Io amo Campobello. «L' urgenza dell'intervento non ci ha consentito di coinvolgere l'Asp», replica Panierino.
Venerdì 15 Dicembre 2017, 19:17 - Ultimo aggiornamento: 15-12-2017 19:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-20 02:54:13
deliri animalisti

QUICKMAP