Al San Carlo torna la Bohème con cinque repliche a partire da giovedì

di Cristina Cennamo

Da giovedì 11 gennaio 2018 alle ore 20 torna al Teatro di San Carlo «La Bohème» di Giacomo Puccini, secondo titolo in cartellone per la stagione operistica 2017/2018 inaugurata lo scorso dicembre con un altro titolo pucciniano, La fanciulla del West. 

Mercoledì 10 gennaio alle ore 18 invece, nell’ambito del progetto il San Carlo per il sociale è aperta al pubblico la prova generale, dedicata alla Fondazione Pascale per il progetto di ricerca clinica e biomolecolare E.C.Co. -Endometrial Cancer Conservative treatment.

Cinque in tutto le repliche di Bohème, in programma fino a martedì 16 gennaio, che vedranno Orchestra, Coro e Coro di Voci Bianche del Teatro di San Carlo diretti da Stefano Ranzani.

Tradizionale e rispettosa del libretto la mise en scène: la regia di Mario Pontiggia, le scene e i costumi di Francesco Zito e le luci di Bruno Ciulli ripropongono con freschezza l’ambientazione originaria della Parigi degli anni’30 e la vivacità del Quartiere Latino. L’allestimento è del Teatro Massimo di Palermo.  A dare volto e voce a Mimì sarà Eleonora Buratto, al suo debutto italiano nel ruolo, che si alternerà con il soprano rumeno Elena Mosuc. Jean-François Borras e Massimiliano Pisapia interpretano Rodolfo, il ruolo di Marcello è affidato a Mario Cassi e Vincenzo Nizzardo mentre Musetta avrà la voce di Francesca Dotto e Gladys Rossi.  Completano il cast Leon Kim e Alessio Verna (Schaunard), Fabrizio Beggi e Laurence Meikle (Colline), Matteo Ferrara (Benoît / Alcindoro) e Stefano Pisani (Parpignol).  La bohémeandrà in scena anche in versione ridotta all’interno della Stagione Educational del Teatro di San Carlo venerdì 12 e martedì 16 gennaio alle ore 11. Sul podio Maurizio Agostini. 

Opera in quattro quadri su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, Bohème è tratta da Scènes de la vie de bohèmedi Henri Murger, romanzo che segna la comparsa di elementi naturalistici propri del vivere quotidiano nella letteratura francesce. Il libretto è frutto di una tormentata gestazione lunga più di due anni, che vede divisi Illica, strenuamente legato al romanzo originale, e Puccini, proteso verso un sostanzialmente rinnovato «verismo sentimentale».

Per la composizione del suo capolavoro, Puccini si ispirò alla Parigi della prima metà del secolo che fa da sfondo, con il suo gelido inverno, alla tragedia della giovinezza che sfiorisce in un contesto sociale di indigenza e degrado.
Tra le più note creazioni del teatro lirico di tutti i tempi – e tra le opere più rappresentate al San Carlo – Bohème andò in scena per la prima volta al Regio di Torino il 1 febbraio 1896 con Arturo Toscanini sul podio. Di appena un mese e mezzo dopo la prima sancarliana, con Elisa Petri e Fernando De Lucia nei panni di Mimì e Rodolfo, diretti da Vittorio Vanzo.
Lunedì 8 Gennaio 2018, 06:41 - Ultimo aggiornamento: 7 Gennaio, 17:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP