Metarte, weekend con i portoni aperti a Meta

META
di Antonino Siniscalchi

META. Geografia nascosta dell'Italia esterna arriva alla sua quarta edizione, Meta portoni aperti, la rassegna organizzata dall'associazione "Metarte", si propone anche quest'anno con una due giorni all’insegna dell’arte, cultura, artigianato e divertimento.

Gli appuntamenti della prima giornata partiranno, domani alle ore 10, con i percorsi di paesologia. Appuntamento alla stazione della Cirvumvesuviana di Meta. Poi, rotta lungo i vicoletti di Via Cassari, via Casa Iaccarino, vico San Cataldo, piazza Vittorio Veneto, fino a Ponte vecchio, alla scoperta di angoli, vicoletti e androni nascosti del paese della Penisola Sorrentina. All'interno di questo itinerario, che copre il versante Sud del comune di Meta, portoni aperti ed allietati da interventi artistici, musicali, artigianali, con assaggi di prodotti locali.

Insomma, la paesologia di Franco Arminio che parteciperà per la quarta volta alla kermesse presentando il suo libro “Cedi la strada agli alberi”, appuntamento alla scuola Media Buonocore-Fienga sabato pomeriggio alle ore 16.30.
Ospite d'onore, sempre nel pomeriggio di domani, sarà il regista partenopeo Pappi Corsicato, che introdurrà la proiezione del suo film “Libera”, ancora alla scuola media alle ore 18.30. In cartellone anche un omaggio a Fiorenzo Serra, metese d'adozione.

Domenica, quindi, appuntamento a piazza Scarpati alle ore 10 per i percorsi mareologici. Attraverso vico San Cristoforo e vico Langella, si scende attraverso i gradini Alimuri per visitare i cantieri navali artigianali Cafiero e Malinconico. Ultima tappa nei lidi orientali di La Conca, il Verricello e Golden Beach tra musica, specialità gastronomiche, laboratori creativi e giri in barca.

Durante la manifestazione verranno ricordati i giornalisti Biagio Pavesio e Gino Palumbo, penne celebri che amavano villeggiare a Meta. Nelle varie sezioni prevista la partecipazione di Nicola Caso, Fofò Delli Franci, Antonio Moccia, Gianluca Giangio Parente e A' Paranza D''O Parent', Luigi Somma, Paolo Propoli, Rocco Aversa, Vincenzo Greco e Paolo Massa, Lauro Attardi, Paolo Propoli e Nino Aprea, per la musica; Maria Giovanna De Pasquale, Clementina Esposito e Maria Fausto, per la poesia; Toni Wolfe (Tarsia ed ebanisteria); Andrea Famiani (modellistica navale), Rosario Esposito (Liuteria 13), Lucia Cuomo (stilista e sartoria d'epoca), Federico Iaccarino (pastori napoletani), Maria Luigia Maresca (ricamo), Giuseppe Ercolano (pastori napoletani), Antonino Cappiello (legno) e Gaetano Di Donna (pittura) per l'arte e l'artiginato. Laboratori creativi a cura del Collettivo A.A.A..
Sabato 11 Novembre 2017, 12:41 - Ultimo aggiornamento: 9 Novembre, 17:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP