Vico Equense, a Marina d'Equa la processione in mare di Sant'Antonio

Tradizioni
di Antonino Siniscalchi

VICO EQUENSE - Come ormai tradizione l’inizio della stagione estiva lungo il litorale della costiera sorrentina sarà festeggiato mercoledì a Marina d’Equa con i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio da Padova, con la statua, custodita nella cappella del borgo marinaro, portata in processione in mare lungo la costa tra Punta Scutolo e Capo d’Orlando. Una iniziativa che dal dopoguerra consolida il legame religioso, tra i residenti del borgo marinaro e il santo taumaturgo per eccellenza, alla promozione territoriale visto che la manifestazione, promossa dal Consorzio degli operatori turistici di Marina d’Equa, ha una notevole ricaduta d’immagine per la città equana. La giornata in onore del Santo patrono del borgo marinaro di Vico Equense inizia mercoledì con la messa, alle ore 18.30, nella piccola chiesa. Si prosegue con la suggestiva processione a mare. La prima, del genere, che si tiene in estate in Campania. Uno spettacolo imperdibile, quello della statua del Santo che apre il corteo dallo stabilimento de Le Axidie e, dopo aver costeggiato tutto il litorale, arriva allo stabilimento Il Bikini. Il rito, tra il religioso e lo scaramantico, è organizzato dal Consorzio Marina d’Equa e dalla parrocchia di San Marco Evangelista di Seiano con il patrocinio del comune di Vico Equense. Nell’attesa degli spettacolari fuochi d'artificio, che concludono tradizionalmente la processione, fritture di mare per finanziare il restauro della vetrata raffigurante il martirio di San Marco situata nella parrocchia di Seiano e danneggiato a causa dei temporali invernali. 
Lunedì 11 Giugno 2018, 10:44 - Ultimo aggiornamento: 11-06-2018 10:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP