Nuovo tour tutto al femminile a Caponapoli, il luogo «fondativo» di Napoli

Una sirena alata ( Cortile degli Incurabili)
di Vincenzo Aiello

Un nuovo tour quello predisposto dal Museo storico delle arti sanitarie per il 14 gennaio prossimo. In contemporanea alla pubblicazione de “ La Collina Sacra”, il Museo delle Arti Sanitarie, in collaborazione con “le Sirene di Caponapoli” , inaugura il primo itinerario attraverso i luoghi raccontati nel libro: "Sirene, principesse, sante e prostitute (Extra Moenia)" a Caponapoli. Un percorso al femminile, dal mito della fondazione della città, legato al culto di Partenope, attestato nei luoghi del tempio cenotafio, proseguendo poi attraverso chiostri, conventi ed ospedali per raffigurare come il femminile-femminio si sia declinato lungo la storia plurimillenaria di Napoli, attraverso le diverse attitudini delle donne partenopee: sacerdotesse vergini dedite al culto della Sirena Partenope, o a quelli di Demetra ed Ecate con i relativi riti misterici ed oracolanti; più tardi, monache consacrate alla preghiera e alla cura degli infermi bisognosi, tutte di diversa estrazione sociale e provenienza: principesse di nobile stirpe ma anche prostitute redente, sempre sdegnosamente separate tra loro. Ed ancora, nobili dame e donne intellettuali votate a praticare caritatevole assistenza, tutte accomunate da un fil rouge, il binomio SANTITÀ-SANITÀ. Il percorso continuerà con la fondazione dell’Ospedale degli Incurabili e la visita alla Farmacia Storica.Punto d’incontro: Porta San Gennaro, (Pizzeria Capasso) in via Foria, adiacenze stazione metropolitana di P.zza Cavour, ore 10.15 Durata del percorso: 2h. Per contatti+ info@ilfarodippocrate.it . Parte al percorso base revisits anche la possibilità il 13 ed il 27 gennaio di una visita alla Cappella dei.Bianchi di giustizia.
Mercoledì 3 Gennaio 2018, 14:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP