«Gli ultimi libertini» della Craveri a Sorrento

Benedetta Craveri
di Vincenzo Aiello

Benedetta Craveri è una studioso napoletana che verga narrazioni storiche per i tipi dell'Adelphi. Dopo il fondamentale "L'arte della conversazione" la Craveri ha scritto nel 2016 "Gli ultimi libertini (pagg. 620, euro 27)". Sabato 17 marzo per iniziativa della Fidapa sorrentina della presidentessa Giovannamaria Maglio e della presidente della Inner wheel Anita Gargiulo Lotito,  si presenterà a Sorrento - ore 17.30; Sala Consliare del Comune -  Il testo del 2016 con la moderazione del collega Antonino Siniscalchi. «Questo libro» annuncia Benedetta Craveri «racconta la storia di un gruppo di aristocratici la cui giovinezza coincise con l'ultimo momento di grazia della monarchia francese»: sette personaggi emblematici, scelti non solo per «il carattere romanzesco delle loro avventure e dei loro amori», ma anche (soprattutto, forse) per «la consapevolezza con cui vissero la crisi di quella civiltà di Antico Regime ... con lo sguardo rivolto al mondo nuovo che andava nascendo». Sfruttando, infatti, le qualità migliori della loro casta – «la fierezza, il coraggio, l'eleganza dei modi, la cultura, lo spirito, il talento di rendersi gradevoli» –, il duca di Lauzun, il conte e il visconte di Ségur, il duca di Brissac, i conti di Narbonne e di Vaudreuil e il cavaliere di Boufflers non furono soltanto maestri nell'arte di sedurre, ma da veri figli dei Lumi ambirono ad avere un ruolo nei grandi cambiamenti che si preparavano, e dopo il 1789 seppero affrontare le conseguenze delle loro scelte – la povertà, l'esilio, perfino il patibolo – senza mai perdere l'incomparabile panache che li distingueva. A sua volta, con la «grazia somma della cultura, della curiosità, del pensiero, della scrittura magnifica» che le è stata riconosciuta dai critici, e ancor più dai lettori, l'autrice di Amanti e regine percorre queste sette vite parallele fino all'evento in cui tutte convergeranno – la Rivoluzione – e dopo il quale ciascuno degli «ultimi libertini» seguirà il proprio destino.
Sabato 10 Marzo 2018, 17:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP