A Napoli passeggiata filosofica e «sfida» tra studenti nel segno di Vico

di Emanuela Sorrentino

Sono più di 120 gli studenti che per il prossimo fine settimana, dal 19 aprile al 21 aprile, si raduneranno a Napoli per sfidarsi, in un agone colto e formativo: il Certame Vichiano dedicato al filosofo Giambattista Vico.

Il Certame, giunto quest’anno alla sua undicesima edizione, è un concorso nazionale di filosofia, che si propone di approfondire e di diffondere tra i giovani il pensiero del filosofo napoletano e di far “riscovrire” i numerosi e splendidi luoghi vichiani del centro storico di Napoli.

Il Certame è indetto dal Liceo Classico Umberto I di Napoli, dal Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell'Università di Salerno, dal Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università “L'Orientale" di Napoli, dal Dipartimento di Scienze politiche dell'Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, dal  Dipartimento di Scienze Giuridiche della Seconda   Università di Napoli, dalla Facoltà di Lettere dell’Università Suor Orsola Benincasa, dall'Università degli Studi L'Orientale, dall'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. Con il patrocinio della Regione Campania e del Comune di Napoli.

Al concorso, per il quarto anno consecutivo, è stata assegnata la medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica.

I giovani attesi a Napoli provengono da una trentina di scuole di tutta Italia da Nord al Sud, dal Friuli Venezia Giulia   alla Sardegna, con una folta rappresentanza delle scuole di Napoli e della Campania. Si tratta di ragazzi del quarto e quinto anno delle scuole superiori che hanno superato una preselezione presso le loro scuole d’origine.

Quest' anno il Certame si intreccia alle iniziative legate all'attuale edizione del Maggio dei Monumenti, dedicata alla celebrazione dei trecentocinquanta anni dalla nascita di Giambattista Vico e in qualche misura ne costituisce un'anteprima rivolta agli studenti.
 
Il Certame Vichiano rappresenta un appuntamento primaverile ormai consolidato tra le proposte culturali del calendario nazionale. Accanto a momenti propriamente formativi, cioè conferenze volte ad approfondire particolari aspetti del pensiero vichiano, sono proposti ai partecipanti tre giorni di attività, che si svolgono nel centro antico di Napoli, dai decumani a Palazzo Serra di Cassano, aperte non solo agli studenti, ma anche a cittadini e turisti.
 
Il concorso prevede l'assegnazione di vari premi: per i primi classificati viaggi in capitali europee, per altri moltissimi libri. Anche quest' anno sarà assegnato un quarto premio per ricordare la figura del professor Aniello Montano.
Martedì 17 Aprile 2018, 12:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP