Dai souvenir al più amato dalle star:
Capri Watch, non solo orologi

di Santa Di Salvo

  • 553
Sono le dieci e trenta, la piazzetta si sveglia. Saracinesche su, il profumo del caffè nei due bar aperti, i negozi ancora chiusi con gli operai che ridipingono gli ingressi. Capri si prepara ad un’altra estate. In via Camerelle il negozio storico di Capri Watch, quello dove papà Oreste vendeva souvenir, ceramiche e vetri di Murano, è pieno di pacchi da spedire e di arrivi di stagione, mentre si sta allestendo anche il punto vendita di fronte dedicato alla nuova linea Capri Jewels. Dopo gli orologi arriveranno anelli, collane e bracciali. Tutti ideati “in casa” da Silvio Staiano, il creativo di talento che s’è inventato uno stile e un brand a misura isolana e familiare, e proprio per questo ha vinto su tutti i fronti.

Siamo abituati a pensare che il successo sia fratello del compromesso. In altre parole, o resti nell’ombra o ti vendi l’anima. In vent’anni di attività Silvio e Valeria Staiano, deliziosa e inossidabile coppia, hanno dimostrato che – volendo – si possono salvare capra (le ragioni del cuore) e cavoli (il boom commerciale). «Basta crescere senza diventare ingordi» dice lei. «Vogliamo restare una nicchia, stiamo sviluppando una rete di pochi punti vendita in location selezionate» fa eco lui. «Solo così creiamo valore per noi, per i nostri dipendenti e per i nostri due figli». Coerente ai suoi principi, Silvio non ha mai ceduto alle lusinghe dei grandi numeri perché «non si divertirebbe più» a creare personalmente i suoi orologi. Il motto di Capri Watch è «facciamo quello che ci piace fare, con i nostri tempi». Tutto home made, senza agenti, rappresentanti, distributori. Un concept anomalo che sembra smentire le regole del mercato globale e che invece è stato la chiave di un successo internazionale. Un negozio che diventa azienda che diventa un marchio racchiuso nelle cinque lettere del nome Capri, che trasferisce bellezza e glamour in ogni modello di orologio disegnato dalla casa. Ci sono nomi famosi (Catherine Zeta-Jones, Renzo Arbore, Carla Fracci, Mariah Carey) tra i clienti di Capri Watch, Stefano Gabbana li ha ordinati on line e qualche importante amministratore delegato s’è sfilato persino un Rolex per convertirsi alla nuova religione da polso.

Tutto nasce per caso nei primi anni Novanta, con il boom degli orologi Swatch. Silvio, appassionato da sempre del settore, ha la brillante idea di creare un orologio in plastica “caprese”, con immagini e motivi legati all’isola. Commissiona al pittore Ottavio Cacace i disegni, fa assemblare i pezzi a Hong Kong e il 1 agosto 1995 i primi esemplari sono messi in vetrina nella boutique di via Camerelle. Centomila i pezzi ordinati, un vero azzardo. Invece vengono tutti venduti. È l’inizio di un’avventura che dura da vent’anni. Con l’aiuto della sorella Alba e dell’allora fidanzata Valeria, che torna da New York dove lavorava per la Merrill-Lynch, Silvio lancia una serie di orologi più strutturati, cassa in acciaio e cinturino in pelle, a marchio protetto Capri Watch Collection. Vulcanico, instancabile, attento ai dettagli Staiano disegna modelli e decine, producendo diverse collezioni. I meccanismi sono in parte svizzeri in parte asiatici, il design è caprese doc, i ritmi restano quelli artigianali. Capri Watch si fa notare per i suoi colori vivaci, le casse tempestate di cristalli, i simboli portafortuna. Insomma, un orologio che mette allegria. «Non a caso uno dei nostri must è il Multijoy, l’orologio con quadrante in cristalli Swarovski di varie dimensioni, una vera innovazione nel campo dell’orologeria» dice Silvio.

Nel Duemila parte la distribuzione on line, ma – ribadisce la coppia – le strategie di marketing arrivano spontaneamente, niente è programmato a tavolino. Un grande aiuto arriva anche dal feedback immediato con i clienti. Loro suggeriscono, gli Staiano modificano e migliorano. E assistono: cinque anni di garanzia con un servizio post-vendita molto accurato. Ancora un paio di punti fermi? L’ottimo rapporto qualità/prezzo (un Capri Watch costa dai 180 ai 1600 euro per quelli con pietre preziose), grazie anche all’assenza di intermediazioni, e l’approccio “lento” al mercato. «Potremmo avere una distribuzione amplissima e decuplicare il fatturato – dice Valeria – Ma preferiamo crescere piano, per non perdere il controllo diretto». Solo quattro i punti vendita (tre a Capri uno a Napoli) e un quinto che aprirà entro l’estate a Sorrento.

Piano sì, ma con che grinta. Nel 2004 nascono le borse Capri Watch, che prima riprendono il tema dei paesaggi con gouache capresi. Poi arrivano le Capri Jelly Bag, le borse in pelle e silicone, le shopper con le stampe delle maioliche, in anticipo su quelle viste nelle ultime collezioni Dolce & Gabbana. La festa per i vent’anni di attività, l’anno scorso al Quisisana con Peppino di Capri, per Silvio e Valeria è stata un traguardo importante. Per celebrare l’avvenimento, una campagna pubblicitaria ha “foderato” aliscafi e autobus. E tanta pubblicità anche in cartellone, con Veronica Maya, fedele testimonial femminile. Invece con Fabio Fognini, tennista del cuore di Silvio, è stato amore a prima vista. Come lo ha visto, gli ha chiesto subito di interpretare il volto maschile del brand. «Per noi, una coppia perfetta da abbinare alle nostre creazioni».

Nasce ancora da una storia familiare - la passione del piccolo Alessandro, nove anni, per il tennis - l’accordo che lega per tre anni il brand caprese alla FIT. Dal 2016 Capri Watch è l’orologio ufficiale della Federazione Italiana Tennis e l’azienda caprese è anche Title Sponsor della Capri Watch Cup. Proprio in occasione dell’evento al Circolo Tennis sul lungomare, Staiano ha presentato l’orologio Capri Tennis. Al centro del quadrante il disegno di un campo e la lancetta dei secondi a forma di racchetta. E la nuova collezione borse. E i gioielli. Insomma, gli Staiano non si fermano mai. Ma alla maniera dei latini. “Festina lente”, affrettati lentamente, disse l’imperatore Augusto a Svetonio. Non a caso, un motto legato agli orologi.
Venerdì 31 Marzo 2017, 16:35 - Ultimo aggiornamento: 31-03-2017 16:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP