Vico Equense cambia volto:
7 milioni di euro per sei progetti

Territorio
di Antonino Siniscalchi

VICO EQUENSE - Sei progetti esecutivi e cantierabili, per un totale di circa 7 milioni di euro: sono le opere infrastrutturali destinate a cambiare il volto di Vico Equense nei prossimi anni, non solo per quello che riguarda riqualificazione e messa in sicurezza di edifici e beni pubblici, ma anche per l’efficientamento dei servizi e per la sicurezza idro-geologica. Si tratta dei progetti che il Comune di Vico Equense ha inserito nella piattaforma i.Ter, rispondendo all’avviso pubblicato a inizio gennaio dalla Regione Campania nell’apposita sezione “Bandi e gare” del portale regionale.

Le manifestazioni di interesse erano finalizzate alla costituzione di una banca dati di progetti esecutivi e cantierabili da realizzarsi sul territorio regionale. Diversi erano gli ambiti tematici interessati: la messa in sicurezza sismica di edifici pubblici, il restauro e la riqualificazione di beni pubblici di interesse archeologico, storico e artistico, il risparmio e l’efficientamento energetico degli edifici pubblici e dell’edilizia abitativa pubblica, il completamento e la ri-funzionalizzazione delle reti fognarie e degli impianti di depurazione, il risparmio idrico e dissesto idrogeologico.

In meno di due mesi, finestra temporale concessa per la presentazione delle manifestazioni di interesse, l’Amministrazione comunale del Sindaco Andrea Buonocore è riuscita a candidare ben sei progetti, attraverso uno sforzo notevole che ha visto impegnati senza sosta l’Ufficio Europa e l’Assessorato alle finanze retto da Daniela Gianna. Un lavoro di squadra che si traduce in nuove opportunità per la Città di Vico Equense.

Nello specifico i progetti riguardano la riqualificazione del centro storico “Quartiere Vescovado” (per 2milioni 205mila euro), recupero nella frazione di Massaquano del borgo di Santa Lucia – secondo e terzo lotto (1milione e 749mila euro e 1milione e 102mila euro), progetto di efficientamento energetico e interventi di riqualificazione di alcuni edifici adibiti a uso scolastico (696mila euro), lavori di difesa e protezione del sito termale “Scrajo Terme” (989mila euro), e il recupero, valorizzazione ed energizzazione secondo la procedura geo-bio del sentieri della Minerva (88mila e 500euro).
Martedì 13 Marzo 2018, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP