Universiadi a Napoli, il nodo commissario arriva in Senato

di Fulvio Scarlata

La legge che istituisce il commissario per le Universiadi arriva in Senato: oggi la norma che stabilisce i poteri del prefetto che si occuperà di Napoli 2019 con il supporto di una cabina di regia sbarca in commissione Bilancio. Si aspetta un confronto rapido, per poi inserire l'emendamento per i giochi degli universitari nel decreto fiscale del governo. Tempi rapidi che dovrebbero consentire in poche settimane non solo di istituire la figura del commissario ma anche di nominarlo e farlo diventare pienamente operativo entro fine anno.

La legge si chiama «Misure urgenti per la realizzazioni delle Universiadi 2019». Secondo le indicazioni dell'Anac viene stabilito che il ruolo di commissario sarà ricoperto da un prefetto da collocare fuori ruolo, perché l'agenzia anticorruzione di Raffaele Cantone ha chiesto un impegno full time su Napoli 2019. Un passaggio che taglia fuori il prefetto Francesco Paolo Tronca, che aveva gestito l'Expo di Milano nel 2015 e oggi è presidente della Biblioteca europea di informazione e cultura, ma anche il suo braccio destro, Ugo Taucer, che è solo viceprefetto e dovrebbe essere promosso per gestire le Universiadi. Il commissario opererà a titolo gratuito, è nominato dal presidente del Consiglio dei ministri d'intesa con il presidente della Regione. Sarà il commissario ad avere la piena titolarità di ogni procedimento relativo alla manifestazione sportiva, subentrando a tutti i soggetti istituzionali che hanno già gestito alcuni aspetti della manifestazione o sono interessati alle Universiadi.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 13 Novembre 2017, 10:50 - Ultimo aggiornamento: 13-11-2017 10:50

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-11-13 12:55:49
FATE PREEESTOOOO !!

QUICKMAP