Renzi: candidiamo
Napoli a ospitare
le Olimpiadi 2028

di Matteo Renzi

7
  • 2263
Pubblichiamo un’anticipazione del libro «Avanti» di Matteo Renzi in libreria dal 12 luglio


Per Napoli ho una passione travolgente, non ricambiata dall’amministrazione civica del sindaco de Magistris che si autodefinisce “città derenzizzata”. Accolto da manifestazioni di protesta immancabili, in alcuni casi con tanto di sassaiole provenienti da cortei cui partecipano anche esponenti dell’amministrazione, scelgo di tornarci da privato cittadino passando per le esperienze sociali e umane più intense. E l’intelligenza strepitosa di padre Antonio Loffredo mi introduce nel cuore del quartiere Sanità, nelle catacombe che un’esperienza di associazionismo e di cooperazione sociale ha riportato nei circuiti turistici creando decine di posti di lavoro e segnando una delle più belle operazioni di riscatto dal basso che abbia mai visto in tutto il paese. La storia della Sanità di Napoli, il quartiere dove è nato Totò, è una storia tra le più difficili ed emozionanti. Stringendo le mani a quei ragazzi, mi rendo conto che la dimensione più bella della politica è l’umanità, il contatto diretto, lo scambio di sguardi. E penso che Napoli non debba arrendersi, ce la possa fare, ce la debba fare. Anzi penso che, per alcuni aspetti, Napoli sia un esempio di quello che potrebbe succedere in Italia. Del resto, incontrando il capo di Apple, Tim Cook, avevo fatto di tutto per convincerlo ad aprire la Developer Academy dell’azienda di Cupertino proprio insieme alla Federico II nella città partenopea. E quando Tim – in visita a Palazzo Chigi – mi annunciò il suo sì, anche se qualcuno – come Roberto Saviano, che pure stimo molto – storse la bocca, si compiva una svolta strepitosa: Napoli tornava ad attrarre centri di eccellenza mondiale. Il modello Napoli per Apple sarà replicato in altre città di tutto il mondo e dimostra che cosa può fare la qualità della vita coniugata con la qualità della ricerca, se abbracciate da un grande brand globale. Questo non significa dimenticarsi del vero dramma di città come Napoli: la povertà educativa.

L’incontro forse più interessante è stato con Paolo Siani. Ai più, Paolo è noto come il fratello di Giancarlo Siani, giornalista del “Mattino” ucciso dalla camorra nel 1985. Una storia terribile che Paolo ha scelto di tenere viva insieme a migliaia di ragazzi portando nel cuore e nelle piazze la memoria del fratello. Ma Siani è anche primario di pediatria all’Ospedale Santobono di Napoli e presidente della fondazione Polis, dunque uno dei massimi esperti di lotta alla povertà educativa. “Quando vedo la madre che ha partorito, nel 90% dei casi posso già immaginare il futuro del bambino”. Dev’essere terribile non riuscire a dare a tutti le stesse occasioni, le stesse opportunità, le stesse possibilità. È terribile che ancora oggi il futuro di un bimbo dipenda solo dalle condizioni di vita dei genitori. E se una famiglia non legge, non studia, non offre stimoli, quel bambino è segnato, spacciato. Per questo Siani lavora attraverso la sua fondazione, con tante donne e uomini di buona volontà, per combattere la povertà educativa, il vero male di parte del nostro paese. Noi lo abbiamo fatto con la prima misura concepita per questo settore: abbiamo creato un fondo di contrasto alla povertà educativa, che per il momento è stato finanziato per 400 milioni in tre anni: il 25% dalle fondazioni bancarie. Abbiamo scelto di innovare profondamente il modello di governance con esperti nominati dal governo, dalle fondazioni bancarie ma anche dal forum del terzo settore. Fondamentale è il ruolo della fondazione Con il Sud, che Carlo Borgomeo dirige in modo impeccabile. Gli interventi spaziano dalle attività di tutoraggio e di accompagnamento ad attività culturali e sportive alle iniziative che aiutano i genitori a interagire e investire, di conseguenza, sui minori in modo più appropriato, aumentandone tranquillità e autostima. Vado a pranzo a casa di Siani e penso che occorrerà sempre di più coinvolgere nel Pd e nelle istituzioni persone di questa levatura. Che non sono molto interessate al chiacchiericcio della politique politicienne, ma possono apportare contributi rilevanti non solo riguardo la battaglia per la legalità, a proposito della quale Siani ha acquisito competenza sul campo a sue spese. Possono aiutarci anche su temi specifici quali la lotta alle disuguaglianze educative. I grandi progetti e i piccoli sogni a Napoli sono destinati a incontrarsi: è il caso di Bagnoli, un pezzo di territorio meravigliosamente interessante, forse una delle più affascinanti realtà da bonificare a livello europeo. Nel 1993 l’Italsider chiude a Bagnoli abbandonando un’area di più di duecento ettari, circa il doppio dell’area di Expo a Milano. Di questi, la maggior parte è ancora sequestrata dalla magistratura per via dei processi in corso.
A Bagnoli tutti promettono, nessuno fa nulla. Quando arriviamo al governo, con il decreto Sblocca Italia, prendiamo in mano la situazione e avviamo la svolta. Nominiamo un commissario, il dottor Salvatore Nastasi, senza il quale niente sarebbe stato possibile, per approntare un programma di bonifica e rige nerazione urbana, gli affidiamo i denari necessari, scegliamo Invitalia come soggetto pubblico per effettuare materialmente gli interventi. I primi sei mesi li perdiamo dietro il ricorso del Comune di Napoli che, dopo aver dormito per anni, apre pure la polemica contro chi finalmente agisce, dopo tutti i rinvii. E il 6 aprile 2016 in Prefettura approviamo il programma di bonifica e rigenerazione predisposto dal commissario, che contestualmente avvia le gare per le caratterizzazioni delle aree al fine di capire dove è inquinato davvero.

Il programma di bonifiche, che durerà anni, prevede finalmente la rimozione della famigerata colmata, che costituisce un autentico scandalo, e la ricostituzione di un waterfront unico in uno dei litorali più belli del mondo. Con questo intervento, che rispetta il piano regolatore del Comune di Napoli, riusciamo a evitare anche tentativi di speculazioni acquisendo con il Demanio terreni che altrimenti sarebbero stati venduti tramite procedure fallimentari. Il progetto è finalizzato a sviluppare la vocazione culturale e turistica del territorio e prevede un investimento di un miliardo di euro tra bonifica, rigenerazione e investimenti privati.

Questa avventura è una delle sfide più belle e culturalmente rilevanti dei mille giorni. Ci ho creduto dal primo momento e sono felice che, anche dopo aver lasciato Palazzo Chigi, stia procedendo nel solco che abbiamo tracciato e che segnerà i prossimi cinque anni riguardo alle operazioni di bonifiche ma i prossimi decenni riguardo ai napoletani e alle loro prospettive di sviluppo. Perché insisto così tanto su Napoli? Perché è la capitale del Mezzogiorno e, se Napoli riparte – come i dati del 2016 hanno finalmente iniziato a mostrare sul Pil –, è il paese intero a trarne beneficio. Napoli significa il lavoro su Pompei, con oltre tre milioni di visitatori che tornano a emozionarsi davanti a uno dei siti archeologici più strepitosi a livello mondiale, sito che smette di far notizia per i crolli e incuriosisce di nuovo per la qualità delle mostre e dei restauri. Napoli significa Pozzuoli ed Ercolano, significa la nuova linea metropolitana – tra le più belle al mondo – finanziata dal ministero delle Infrastrutture, significa l’investimento sul Museo di Capodimonte e sul Museo archeologico, significa allargarsi verso la Reggia di Caserta e bonificare la “Terra dei fuochi” su cui il governatore Enzo De Luca ha investito tutta la sua autorevolezza (oltre che i soldi dell’accordo “stato-regione”). E penso che Napoli sia di una bellezza così impressionante che è assurdo stare a lamentarsi. Bisogna lavorare sui singoli progetti, certo. E stringere i denti quando tutto sembra andare storto. Ma anche avere in mente un forte progetto più grande. 

Dopo la figuraccia mondiale che ci ha fatto fare l’amministrazione 5 Stelle con le Olimpiadi 2024, per Roma sarà quasi impossibile riprendere in considerazione la candidatura, per la quale il Coni aveva preparato un dossier perfetto. A questo punto, la città italiana che può davvero giocarsi la carta della candidatura alle Olimpiadi è proprio Napoli. E per Napoli sarebbe la svolta, come lo fu per Barcellona nel 1992: percorso peraltro simile, considerando che la Barcellona degli anni ottanta non era come la Barcellona di oggi, e che proprio le Olimpiadi sono state il fattore di svolta. 


Continua a leggere su Il Mattino Digital
Domenica 9 Luglio 2017, 11:19 - Ultimo aggiornamento: 09-07-2017 11:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-07-13 15:10:31
Ma non diciamo eresie. Napoli non è all'altezza di ospitare nemmeno una partita della Nazionale di bocce, figuriamoci un Olimpiade. Niente mezzi, traffico sempre in tilt, semafori non rispettati perchè è usanza...
2017-07-11 10:04:25
....uhhhhh, il grande statista fiorentino ha iniziato la campagna elettorale. me ne compiaccio......
2017-07-09 18:58:15
E' una scelta di buon senso perchè Napoli ospiterà le universiadi del 2019, che sono le olimpiadi degli studenti universitari,e quindi dovrà per questo sistemare tutte le strutture sportive e i trasporti perciò non serviranno chissà quali spese per le olimpiadi del 2028. E in più sarebbe una grossa occasione per Napoli di riscatto.
2017-07-09 16:20:47
Povero Renzi. è sempre più confuso e distratto (sarà che non ha ancora digerito le ultime batoste elettorali): lui scambia la Convenzione di Dublino (firmata dal governo Berlusconi) con il programma Triton, voluto e sottoscritto dal suo governo. Ormai i disastri in materia di immigrazione del governo che ha presieduto lui non si contano più. Con le sue ultime dichiarazioni sui migranti poi, sembra diventato una brutta copia di Salvini!
2017-07-09 15:53:37
sarà il caso di precisare: certo che se la arrufianata di renzi "se perdo lascio la poltica" matteo sulle olimpiadi uno la vede in stile italia '90 e seguenti, beh, certo che altro che mancetta: appalta, subappalta, cola cemento quì, costruisci là, consulenza, consulenzam, consulenza, partecpiate, sottopartecipate ecc. ecc. ecc. per non parlare poi dello sfrenesiamento sedicente culturale: mostre, mostrine, mostricciatole, concerti, concertini, neomelodici a cinque cerchi, una cerimonia d'apertura di cinque giorni e cinque notti con l'indispensabile assunzione di 35000 hostess e steward (solo per la cerimonia suddetta, ovviamente!); stadi per il nuoto modello maracanà uno per ogni specialità, così ne facciamo uno per ogni comune oltre i 500 abitanti. ah, dimenticavo: nomina di 24 commissari straordinari, con relativo staff, sedi, personale. solo 24 ovviamente perchè non si deve dare l'impressione che le olimpiadi siano un pretesto per il clientelismo. sapete che c'è: ho cambiato idea. aho', per mo' magnamm, che a pensare all'etica c'è sempre tempo. O NO?

QUICKMAP