Il direttore Monga intervista il governatore De Luca: «Che idiozia la legge sul commissario alla sanità»

  • 63
Elezioni regionali, sanità, manovra finanziaria. E reddito di cittadinanza. Sono tanti i temi toccati dal presidente della giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca intervistato dal direttore Federico Monga nella web tv del Mattino. 
 

Tranchant come nel suo stile, De Luca ha bocciato severamente l'operato del governo Conte. «Sul reddito di cittadinanza non ho capito niente, ma ovviamente saranno limiti miei», ha detto sorridendo prima di bollare come «un'idiozia» la legge anti-De Luca che impedirà al presidente della Regione di assumere l'incarico di commissario alla sanità. «Ma questo alla Campania non interessa - ha scandito - perché usciremo dal commissariamento e l'assessore alla sanità lo farò io». 

Il governatore ha poi ribadito che la Campania «ha formalizzato la richiesta di fuoriuscita dal commissariamento. È vero, deve essere accettata dal governo ma Palazzo Chigi non gestisce la bottega di famiglia, ragiona in base a numeri e dati. La Campania ha presentato un quadro di bilanci attivi da cinque anni e quindi non ci sono più motivi per nominare un commissario».
 
 

Il governatore ha poi parlato della manovra finanziaria e del consenso di Salvini e Di Maio: «Un sindaco leghista a Napoli? Non è una decisione sul leghismo ma sulla capacità amministrativa o meno - ha detto - Io auspico per Napoli garanzia del trasporto pubblico, manutenzioni stradali, politiche sociali, interventi per la cultura e il San Carlo. Questo richiederebbe il Comune d'Italia che riceve più soldi dallo Stato pro capite. Il cittadino napoletano riceve più risorse pro capite di tutti: i dati sono sul sito del ministero dell'interno. Il Comune di Napoli riceve 340 euro pro capite, quello di Milano 5 euro pro capite. Vuol dire che la città è un bene da difendere ma anche che i cittadini hanno diritto ad avere una qualità dei servizi straordinaria».

Alla domanda sull'ipotesi che la Lega sfondi anche al sud nei prossimi appuntamenti elettorali, De Luca ha detto: «Il tema della sicurezza è decisivo. Per me è fondamentale garantire serenità di vita a me e alla mia famiglia. Da forze come il Pd la parola sicurezza non viene neanche pronunciata. Minniti ha fatto un lavoro serio per il contenimento dei flussi di migranti ma sulla sicurezza urbana non ha fatto niente. Se c'è qualcuno che raccoglie la domanda di sicurezza è chiaro che ha il consenso dei cittadini».
Martedì 16 Ottobre 2018, 12:00 - Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 06:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP