L'assessore Marciani: rifinanziato
il progetto duale con 7 milioni di euro

Sette milioni e mezzo di euro finanziano i nove centri in Campania per la formazione e lavoro previsto dal sistema di formazione duale. Un progetto nato per combattere la dispersione scolastica che interessa i giovani dai 15 ai 29 anni. Nove i centri in tutta la regione Campania che formano e insegnano un lavoro a chi, o per le difficoltà territoriali o per motivi famigliari, ha smesso di credere nella formazione scolastica.

Nascono da questo progetto giovani elettricisti, pasticcieri, sarte e addirittura a marzo è stato inaugurato un nuovo brand urban di abbigliamento che ha riscosso notevole success

“Il sistema di formazione duale - dichiara l'assessore regionale Chiara marciani è un percorso formativo che fino ad oggi non esisteva in Campania e che la Regione ha introdotto in fase sperimentale da circa un anno. Questo percorso formativo dà la possibilità ai ragazzi, dell’età compresa tra i 15 e i 29 anni e che per varie ragioni hanno abbandonato la scuola, di poter conseguire un diploma e in contemporanea di essere formati, instradati ed inseriti nel mondo del lavoro. I ragazzi che intraprendono questo percorso formativo oltre a studiare per il conseguimento di un diploma vengono istruiti con corsi di formazione e apprendistato sul campo su specifiche tipologie di mestieri. Proprio per questa sua duplice funzione di apprendimento scolastico e di formazione e inserimento nel mondo del lavoro, il sistema di formazione duale ha riscosso nel suo primo anno di sperimentazione un notevole successo tra i ragazzi. La Regione Campania, considerando l’alto numero di dispersione scolastica presente sul nostro territorio e visto il grande successo riscosso con la sperimentazione del percorso formativo duale, ha riposto in questo progetto notevoli aspettative programmando ben 7,5 milioni di euro per finanziare i corsi che partiranno a settembre nei nove centri formativi abilitati presenti in regione. Nei centri abilitati partiranno almeno 23 corsi e, calcolando che ogni corso darà la possibilità di iscrizione a 20 ragazzi, ci auguriamo che già da settembre potremo avere 500 ragazzi che frequentano i percorsi di formazione duale. Tra i tanti casi di giovani che hanno intrapreso il percorso di formazione duale, sono rimasta colpita da una ragazza che aveva abbandonato gli studi e passava le intere giornate chiuse in casa senza far nulla. Frequentando il corso per diventare sarta questa ragazzina ha ritrovato la voglia di studiare e mi ha confidato la sua intenzione di riprendere gli studi per diventare veterinaria. Gli obiettivi di questo progetto sono, innanzitutto, portare questi ragazzi a una formazione professionale. I settori sono quelli legati al turismo, legati alla meccatronica, legati a quelli che sono i nostri settori di eccellenza e che quindi possono anche creare occupazione. La cosa importante è che questi corsi di formazione hanno una pratica con un numero di ore molto elevato, quindi non è una formazione banco cattedra come avviene normalmente a scuola ed è inoltre legata ad un finanziamento per l’apprendistato. Noi sull’apprendistato stiamo investendo 14 milioni di euro, quindi quando questi ragazzi termineranno il percorso di formazione duale potranno continuare la loro esperienza con l’apprendistato e avere anche un bonus occupazionale di settemila euro per essere assunti.”

 
Venerdì 8 Giugno 2018, 20:55 - Ultimo aggiornamento: 08-06-2018 20:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP