Guerra dello sciopero, Eav attacca: «In quaranta hanno bloccato tutto»

di Francesco Gravetti

2
  • 12
Per il presidente dell'Eav, Umberto De Gregorio, allo sciopero di ieri hanno aderito una quarantina di persone su tremila, capaci comunque di bloccare l'intera ferrovia. Per i sindacati che lo hanno proclamato (Uil, Ugl e Cisal) i lavoratori erano di più e quelle del presidente sono «affermazioni non veritiere». I dati ufficiali, forniti direttamente dall'azienda, dicono che a incrociare la braccia sono stati 49. Di certo, l'ennesima mattinata di astenzione dal lavoro da parte dei dipendenti Eav (Circumvesuviana, Circumflegrea, Cumana e Metrocampania) ha fatto registrare disagi e problemi per i viaggiatori. A farne le spese sono stati soprattutto i pendolari del mare, i turisti di un giorno: treni off limits per migliaia di giovani diretti alle mete balneari, mentre chi solitamente usa il trasporto su rotaie per raggiungere i luoghi di lavoro è riuscito a trovare una soluzione, magari ricorrendo all'automobile. 

Il blocco - dalle 9,30 alle 13,30 - ha riguardato non solo il personale viaggiante ma anche le officine, i passaggi a livello e le stazioni. I maggiori disagi si sono verificati sulle linee della Cumana e delle Circumflegrea, dove i treni non sono passati per tutta la mattina, e sulla tratta di Metrocampania Nordest in direzione Benevento. Meno ampia l'adesione in Circumvesuviana, dove però hanno scioperato alcuni operai dell'officina di Ponticelli e ci sono stati problemi con la manutenzione lungo la linea di San Giovanni a Teduccio. Sempre in Circumvesuviana, treni in ritardo a causa dello sciopero degli addetti al passaggio a livello: in due occasioni i vagoni hanno dovuto rallentare fino a procedere a passo d'uomo, perché le sbarre erano alzate. Nessun incidente: in casi del genere scatta una particolare procedura di emergenza che costringe il capotreno a scendere dalla vettura ed a controllare di persona il transito del convoglio. 

Continua a leggere sul Mattino Digital
Sabato 5 Agosto 2017, 08:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-08-05 10:11:44
Dovrebbe rivedere l'organizzazione. Se quaranta bloccano tremila c'è molto che non va. Ricattabile facilmente e con basso rischio dei ricattatori.
2017-08-05 09:53:37
Si tratta di un evidente sabotaggio,denunciare tutto alla Procura per vedere se ci sono gli estremi per denunciare gli sciperanti per interruzione del servizio pubblico.

QUICKMAP