Napoli, incendio campo rom, De Magistris: «Individuare i responsabili»

«Ci auguriamo che la magistratura e le forze dell'ordine individuino al più presto i responsabili perché dobbiamo capire chi ha voluto un'azione criminale quando era noto che si stava portando a termine un'operazione che avrebbe coniugato legalità, umanità, inclusione». Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in riferimento all'incendio del campo di Cupa Perillo a Scampia. Il sindaco, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, ha ribadito la sua opinione secondo cui l'incendio dello scorso 27 agosto sia di natura «dolosa e criminale». De Magistris ha spiegato che nell'area di Cupa Perillo, anche in virtù di un provvedimento dell'autorità giudiziaria, «era già programmata la dislocazione dei rom in altre strutture per favorire l'opera di bonifica della zona e poi realizzare un piccolo villaggio, già finanziato, con strutture decenti e non baraccopoli».


Un percorso che - come sottolineato - va nel solco delle operazioni già realizzate a Gianturco e a Barra. «Per la prima volta nella storia della nostra città - ha affermato il sindaco - noi abbiamo messo in campo un lavoro molto importante, strutturale con tutte le altre istituzioni e la comunità rom perché non accettiamo né la tesi degli sgomberi coatti, forzosi di chi non vuole l'inclusione né possiamo tollerare baraccopoli e situazioni in cui si vive tra i rifiuti e in cui la dignità delle persone è mortificata». In riferimento all'incendio, il sindaco ha evidenziato che ha causato «danni ambientali molto gravi, danni materiali con la distruzione di circa venti mezzi Asia e ha portato - ha concluso - all'esigenza immediata di garantire la tutela della salute e trasferire provvisoriamente i rom in luoghi subito disponibili».
Venerdì 1 Settembre 2017, 19:51 - Ultimo aggiornamento: 01-09-2017 19:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP