Migranti, presidio di Cgil, Cisl e Uil
davanti alla Prefettura

«Cgil Cisl e Uil di Napoli condannano duramente la decisione assunta dal ministro Salvini di chiudere i porti alle navi dei migranti che sfuggono alle guerre in attesa che si compia il loro destino, in mezzo al mare, con pochi viveri e in condizioni dove la dignità umana è soltanto una parola». È quanto si legge in una nota diffusa dalle tre organizzazioni nella quale si annuncia, per mercoledì 13 giugno alle ore 17, un presidio davanti alla sede della Prefettura. «Una decisione, quella del ministro, che - secondo il sindacato - lede i diritti universali dell'uomo e non rispetta le norme internazionali sui diritti umani e sulla protezione dei rifugiati, per il principio di non refoulement, sancito dalla Convenzione di Ginevra. Vogliamo contrastare con forza questa deriva razzista e xenofoba, non possiamo stare a guardare ma dobbiamo far sentire la nostra voce». «Mercoledì 13 alle ore 17 - concludono Cgil, Cisl Uil - saremo in presidio davanti alla prefettura di Napoli anche a sostegno dell'azione dei sindaci ad accogliere la nave. Chiediamo a tutti i cittadini, i lavoratori, le donne e gli uomini di questa città, di essere con noi, di essere insieme un presidio di legalità e di eguaglianza».
Lunedì 11 Giugno 2018, 17:40 - Ultimo aggiornamento: 11-06-2018 17:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP