Elezioni, per Arzano e Torre Annunziata a rischio camorra: Rosy Bindi mobilita la Prefettura

ARTICOLI CORRELATI
di Maria Elefante

0
  • 34
Elezioni a rischio camorra. A 48 ore dall'apertura dei seggi la presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi, rimette al centro del dibattito la questione del voto pulito e in particolare sulla necessità di sottrarre all'influenza della camorra i cittadini che vanno alle urne. Mette nel mirino in particolare due aree della provincia di Napoli, quella di Arzano e Torre Annunziata. Ha chiamato in causa direttamente il Prefetto: «Abbiamo chiesto una particolare vigilanza in questi centri e abbiamo avuto assicurazioni che i seggi saranno particolarmente sorvegliati così come tutte le procedure elettorali. In questa fase - ha sottolineato Rosy Bindi - abbiamo preferito dare maggior impulso alle istituzioni territoriali che faranno certamente un buon lavoro. D'altro canto sulle vicende che riguardano questi comuni abbiamo già raccolto tanto materiale. Per il futuro auspichiamo che il Parlamento modifichi la legge elettorale e in particolare detti nuove disposizioni per le commissioni elettorali. Non può bastare controllare solo le autocertificazioni. È necessario far esibire obbligatoriamente anche il certificato penale a tutti i candidati». 
 

Il presidente della Commissione antimafia è intervenuta anche sul caso Riina. È in particolare sulla necessità di assicurare una morte dignitosa a un detenuto. «La morte dignitosa può avvenire anche in carcere - ha sottolineato- e a noi risulta che Totò Riina nel penitenziario dove è rinchiuso è ben assistito. È evidente che ci saranno verifiche sia da parte del dipartimento di sorveglianza sia da parte della magistratura. Farlo tornare a casa significherebbe dare al paese un segnale di cedimento dello Stato nei confronti della mafia». 




 
Venerdì 9 Giugno 2017, 21:21 - Ultimo aggiornamento: 09-06-2017 21:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP