Crisi idrica, in campo la Regione:
«Nuove misure per l'agricoltura»

«La giunta regionale della Campania, visto il perdurare della siccità, ha deliberato di integrare le assegnazioni dei prodotti petroliferi per l'irrigazione e per gli allevamenti di bestiame». Ad annunciarlo è il consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania.

«Si tratta di un valido provvedimento - prosegue il vicepresidente - che l'Esecutivo ha voluto promuovere vista l'eccezionalità delle condizioni atmosferiche di grave siccità che si stanno registrando in queste settimane e che hanno determinato condizioni di crisi del settore agricolo che rendono urgenti e non procrastinabili gli interventi in merito. Rispetto a queste emergenze, è necessario far fronte anche ai maggiori consumi di carburanti sostenuti dalle aziende per l'irrigazione delle colture e per l'approvvigionamento di acqua per gli allevamenti reintegrando la disponibilità per le successive lavorazioni con l'attribuzione di maggiorazioni».

Le integrazioni, si legge nella nota, avverranno alle seguenti condizioni: i beneficiari ne facciano richiesta entro il prossimo 20 ottobre 2017; i beneficiari abbiano richiesto ed ottenuto, con l'assegnazione originaria del corrente anno solare, quantitativi di carburanti agricoli agevolati previsti dal Decreto 30 dicembre 2015 per l'irrigazione o per allevamenti di bestiame, con riferimento a terreni e allevamenti ubicati nella Regione Campania, e che permangano i requisiti di ammissibilità di cui che art. 2 comma 1 del DM 454/2001; abbiano ritirato tutto il quantitativo di carburante agevolato assegnato per la corrente annata.
Venerdì 4 Agosto 2017, 14:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP