Il Comune di Napoli sull'orlo del crac, de Magistris giovedì a Roma da Gentiloni

ARTICOLI CORRELATI
  • 1346
«Io da ieri sto cercando il presidente Gentiloni al telefono, mi auguro di trovarlo oggi». Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine dell'inaugurazione dell'anno giudiziario del Tar Campania, commentando la sentenza della Corte dei Conti sui debiti del Comune di Napoli. «Trovo incredibile - ha aggiunto de Magistris - che nonostante tutte le azioni che abbiamo messo in campo, nonostante abbiamo completamente ragione, nonostante non andiamo in dissesto, dobbiamo vedere come mettere in bilancio 100 milioni di ero da sottrarre a altro e come liberarci la cassa». Ai cronisti che gli chiedevano se dal Movimento 5 Stelle ha avuto segnali per la risoluzione del caso, de Magistris ha detto: «Non ancora, ma diamo loro il tempo di insediarsi».

Un paio d'ore dopo l'annuncio, affidato a una nota diffusa da Palazzo Chigi: «Stamattina la segreteria di Palazzo Chigi ha contattato il mio capo di gabinetto, Attilio Auricchio, per fissare un incontro sul debito CR8 a Palazzo Chigi giovedì. Oggi pomeriggio mi ha chiamato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni  con il quale mi sono intrattenuto in un cordiale colloquio telefonico.  Non avevo dubbi che mi avrebbe richiamato vista la sua tradizionale correttezza istituzionale. Mi ha assicurato che sta seguendo personalmente la questione ed entrambi abbiamo auspicato che giovedì, a Palazzo Chigi, si possa chiudere definitivamente la questione con il via libera per l’eliminazione dell’intero pignoramento delle casse del Comune di Napoli».
Venerdì 9 Marzo 2018, 14:11 - Ultimo aggiornamento: 09-03-2018 18:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP