Archiviata l'inchiesta su De Luca
per istigazione al voto di scambio

2
  • 470
Il gip del Tribunale di Napoli Luisa Toscano ha archiviato l'inchiesta, avviata per l'ipotesi di istigazione al voto di scambio, nei confronti del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca dopo la pubblicazione sul sito de «Il fatto quotidiano» dell'audio di una riunione - alla vigilia del referendum per la riforma costituzionale, con circa trecento tra sindaci e amministratori locali - durante la quale De Luca rivolse loro l'invito ad impegnarsi attivamente per il sì. L'archiviazione è stata disposta nelle scorse settimane ma solo oggi si è avuta conferma della decisione del giudice.

Nel corso dell'incontro, svoltosi in un albergo napoletano, il governatore invitò scherzosamente con linguaggio colorito gli amministratori a attivarsi offrendo anche «fritture di pesce» e gite in barche. Il gip ha accolto la richiesta di archiviazione proposta al termine delle indagini dal pm Stefania Buda. De Luca, difeso dagli avvocati Andrea Castaldo e Paolo Carbone, aveva commentato l'avvio dell'inchiesta da parte della procura parlando di «reato di battuta». Il gip, condividendo le conclusioni del pm, ha ritenuto insussistente l'iniziale ipotesi di reato. Nella richiesta di archiviazione il pm Buda aveva sottolineato, tra l'altro, di aver svolto accertamenti su un provvedimento favorevole - nei giorni precedenti al referendum - da parte della Regione nei confronti dei disoccupati dei Bros ipotizzando una condotta di voto di scambio che però, come ha sottolineato il magistrato, non ha trovato alcun riscontro. Il pm, dopo aver messo l'accento sul tono «goliardico e scherzoso» dell'invito, ha affermato che per la risonanza mediatica prodotta dalla pubblicazione dell'audio in ogni caso non sarebbe stato verosimile che qualcuno degli amministratori desse seguito all'invito
Martedì 5 Settembre 2017, 20:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-09-05 21:11:50
In conclusione, secondo il fine pensiero del Pm il reato si sarebbe potuto anche realizzare qualora l'esplosione della notizia non avesse prodotto una così alta risonanza mediatica....Una mera e gratuita supposizione! Un retro pensiero basato sulla sfiducia aprioristica nell'onestà dei Sindaci che rende blasfeme le conclusioni della Procura. E li paghiamo pure questi Pubblici ministeri! Quanto ci è costato quest'altra buffonata?
2017-09-06 18:10:15
Dear Felipe ciao Dal Texas, Io penso che non voglio essere querelati cosi; hanno archiviato! da come ho letto ultimamente chi non va daccordo con il Governatore corre il rischio di essere querelato dal Governatore stesso mi sembra una follia dittatoriale tutto questo. Io direi VIP = villana Insana Prepotenza!

QUICKMAP