«Basta morti sul lavoro», spuntano manifesti di Forza Nuova contro i sindacati

«Lavorare per vivere, non per morire», «Stato e sindacati confederali boia», «Basta morti sul lavoro». Questi i testi degli striscioni che Forza Nuova ha esposto durante la notte in numerose città d'Italia, nei pressi o davanti le sedi della Cgil e di altri sindacati dei lavoratori. «Un messaggio di protesta contro le morti sul lavoro», spiega il leader del movimento di estrema destra, Roberto Fiore. «Nel 2018 - continua - di lavoro si muore molto di più che in passato e i principali colpevoli sono i sindacati che non vigilano sulle condizioni dei lavoratori».

Di un «vile attacco di stampo fascista» parlano, in una nota congiunta, Cgil, Cisl e Uil di Napoli e della Campania dopo aver rinvenuto gli striscioni sul muro della sede centrale delle Poste in via Cesare Battisti, a Napoli. «Non ci fate paura», il messaggio lanciato, invece, dalla Cgil Umbria. A Perugia i manifesti sono stati esposti davanti alla sede sia della Cgil che della Cisl. Un altro striscione è comparso anche davanti alla Camera del Lavoro di Ravenna, Bergamo e Como. Manifesti anche davanti alla sede della Cgil di Cesena, Ravenna e Rimini. «Le forze democratiche del Paese - scrive la Cgil nazionale in una nota - dovrebbero riflettere e attivarsi in difesa dei valori costituzionali. Noi non arretriamo. Noi non ci facciamo intimidire. Noi #antifascistisempre».
Mercoledì 23 Maggio 2018, 16:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP