Bagnoli, de Magistris sfida Renzi: «Ecco perché ha vinto il Comune»

ARTICOLI CORRELATI
8
  • 152
Un video per spiegare e mettere a confronto il progetto originariamente presentato da lnvitalia nel febbraio 2016 e approvato dalla cabina di regia del governo Renzi il 6 aprile 2016 e quello firmato a Roma e approvato in cabina di regia con il premier Gentiloni lo scorso giovedi alla presenza del sindaco di Napoli Luigi de Magistris è stato pubblicato sul sito del Movimento demA, accompagnato da alcune slide. Nel filmato sono spiegati ed evidenziati attraverso le immagini e le proiezioni tutti gli obiettivi raggiunti dal Comune di Napoli rispetto al precedente piano. Una replica indiretta al segretario del Pd Renzi, secondo il quale l'intesa sottoscritta nei giorni scorsi sarebbe uguale al piano presentato a suo tempo.

In particolare, sottolinea il movimento politico di de Magistris, «le vittorie della amministrazione comunale riguardano la realizzazione della spiaggia pubblica con la passeggiata a mare e con un lungomare attrezzato e fruibile essendo state cancellate le strutture di attività e servizi frapposte tra il parco e la spiaggia. Di seguito, l'arretramento del cosiddetto miglio azzurro, previsto nell'area ex Cementir che si sarebbe realizzato a discapito del grande parco urbano. Per ciò che riguarda Coroglio, il permanere degli abitanti nell'antico borgo che non sarà più cancellato per fare spazio alle residenze turistiche legate alla nautica da diporto. Ancora, la condivisione da parte di Invitalia e del governo del principio approvato nel Pua di Bagnoli (piano urbanistico attuativo) del valore parametrico dei suoli che evita pressioni speculative sulle destinazioni delle singole aree. La proprietà pubblica delle aree di intervento anche attraverso l'esproprio di quelle private interessate al programma».

Fondamentale poi, per demA, «il coinvolgimento economico dei privati responsabili dell'inquinamento secondo il principio europeo “Chi inquina paga”, come stabilito dall'ordinanza sindacale del 3/12/2013». 

Secca la replica del Pd, affidata al segretario regionale Assunta Tartaglione: «Il video pubblicato sul sito di demA passerà certamente agli annali come testimonianza della propaganda aranciona, ma soprattutto ci consegna finalmente la verità dei fatti su Bagnoli. Attraverso il suo partito familiare, il sindaco di Napoli esce allo scoperto e chiarisce una volta per tutte come per lui non conti nulla il destino dell'area ex Italsider. Per de Magistris Bagnoli era solo la clava da usare per attaccare la sua più grande ossessione, Renzi, e guadagnare qualche consenso in più urlando, minacciando e buttandola in caciara come solo lui sa fare».

«Non mi resta che ribadire quanto detto dopo la firma in cabina di regia - aggiunge Tartaglione -. Per noi i passi avanti su Bagnoli, compiuti grazie alla determinazione dei governi Renzi e Gentiloni, in particolare del ministro De Vincenti, e al lavoro svolto anche dal Pd, sono e restano una vittoria dei cittadini e a loro dovremo rendere conto degli impegni assunti, che andranno rispettati a prescindere dall'umore ondivago di un sindaco che naviga ormai senza una rotta». «È per questo che, ogni giorno di più, siamo fieri di essere diversi in tutto e per tutto da de Magistris - conclude Tartaglione - ed estranei a questa rivoluzione morta prima di nascere. Attendiamo con ansia che il sindaco, sempre attraverso amici e parenti, proclami altre vittorie, sui conti pubblici, sul trasporto, sulla gestione del patrimonio immobiliare, sulle politiche sociali, sull'igiene urbana».
Domenica 6 Agosto 2017, 15:51 - Ultimo aggiornamento: 06-08-2017 18:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-08-06 20:39:57
se la lingua italiana ha un senso, praticamente la tartaglione NON SMENTISCE ASSOLUTAMENTE NULLA del video del dema. quindi, se la lngua italiana ha un senso, ha sproloquiato del nulla. in taliano aulico si dice "una srie di affermazioni apodittiche", cioè autodimostrantesi. tra parentesi, non posso che concordare con la lettrice anita59. su chiunque apra bocca del piddì pesa ora e sempre la nemesi-monnezza: dov'eri, che dicevi e che facevi mentre vivevamo un'apocalisse senza pari in tutto l'occidente? ps. incidentalmente: il piano sottoscritto dal dema NON E' affatto identico a quello proposto a suo tempo da matteo "se perdo lascio la politica". come dire: eppure sto tizio sta sempre con vuotsapp feisbuch e iphone in mano: dovrebbe sapere che a sbugiardare certe balle oggi bastano 3 minuti su google.
2017-08-06 19:03:30
Tartaglione ma mi faccia il piacere . Dov' era questa gentile donzella nel 2011 quando la monnezza invasiva le strade della nostra città? E il debito eredita dalla giunta Bassolino Iervolino? Purtroppo in politica la memoria è corta La città oggi è piena di turisti e si è fatto quello che si è potuto senza aver avuto il minimo aiuto a differenza di Milano e Roma. E potrei continuare parlando del cr8 e Del debito ereditato per il commissariamemto dei rifiuti.
2017-08-06 21:57:25
piena di turisti disperati...senza bus senza meta...in una puzza di urina che ha sostituito la brezza marina....turisti..poveri che prendono la bottiglietta di acqua al supermercato di 40 centesimi...ma fatemi il favore.
2017-08-06 18:56:52
Nessuno dei due mi piace, ma in questa querelle tifo apertamente per De Magistris, tutta la vita!
2017-08-06 18:19:02
Consiglio al sindaco di farsi una bella dormita (in napoletano va te cocca)...ma la vedete come è ridotta questa città???

QUICKMAP