Elezioni, tensione a Qualiano: compravendita di voti, tra i dieci denunciati anche un candidato al Consiglio

ARTICOLI CORRELATI
di Ferdinando Bocchetti

5
  • 496
Tensione a Qualiano, dove si vota per il rinnovo del Consiglio comunale. In azione i carabinieri di Qualiano e Giugliano, guidati dal capitano Antonio De Lise, che hanno fatto irruzione nelle palazzine di via Di Vittorio, a poche decine di metri dalla scuola Santa Chiara, sede elettorale. Nell'ambito dell'operazione sono state fermate 10 persone per ipotesi di voto di scambio o di compravendita. 

I carabinieri hanno denunciato per turbativa delle operazioni di voto nelle sezioni elettorali un incensurato 53enne del luogo, candidato alla carica di consigliere comunale e un rappresentante della stessa lista, anche questo incensurato e del luogo, 59enne. Nel seggio elettorale dell’istituto Santa Chiara, il primo è stato sorpreso a consegnare un biglietto - per una consumazione gratuita in un vicino bar del valore di 10 euro - al secondo. Perquisito, il primo è stato trovato con altri 5 biglietti dello stesso importo, tutti sottoposti a sequestro.

Nelle palazzine Iacp i carabinieri hanno denunciato per associazione a delinquere finalizzata a promettere denaro o utilità varie per conseguire vantaggi elettorali un operaio 52enne di Qualiano pregiudicato; un 58enne, un 35enne, un 37enne, tutti del luogo disoccupati e già noti; un 45enne di Villaricca già noto; due 22enni incensurati di Qualiano; una 18enne incensurata di Qualiano. Per aver turbato l’esito delle elezioni di un candidato consigliere e di un candidato sindaco.

Il 37enne di qualiano ha consegnato 50 euro alla 18enne e ad uno dei 22enni e 30 euro all’altro e alla vista dei carabinieri è fuggito da una finestra sul retro delle palazzine ma è stato comunque identificato. Sul cellulare della ragazza e di uno dei due 22enni i militari hanno visto la foto del voto espresso in favore di chi era stato indicato ai 2 giovani. Come “vedette” fuori casa del primo denunciato erano impiegati il 58enne, il 45enne e il 35enne. Le schede fac-simile ed i telefoni cellulari dei 2 giovani sono stati sequestrati.
Domenica 10 Giugno 2018, 12:30 - Ultimo aggiornamento: 11-06-2018 00:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-06-10 21:06:36
complimenti ai carabinieri x l'attenzione su queste elezioni su un territorio così ostile è senza regole, grazie x l'attenzione delle autorità preposte al controllo.
2018-06-10 18:57:00
Squallido. Sia per chi propone, sia per chi si vende. 10 euro, 50, 100,1000 sono la stessa cosa.
2018-06-10 18:53:31
Che persone squallide, ma altrettanto squallidi quelli che accettano il controvalore di una consumazione al bar, magari capaci di accordarsi con il barista che magari trattiene per se un apiccola parte e restituisce in contanti la parte rimanente. forse sono ripetitivo, ma che squallore.
2018-06-10 15:36:28
Siamo ancora a questo, neanche in Afghanistan la gente si vende il voto per una manciata di spiccioli. Gli stessi che vanno in chiesa e giurano sui figli.
2018-06-10 14:40:43
Si incomincia ad imbrogliare già per accaparrarsi la poltrona. Rischiano dei reati pur di mettersi a "disposizione" dei cittadini. Come siamo (S)fortunati.

QUICKMAP