«The Young Pope, la mostra»
si trasferisce da Napoli a Torino

Si è chiusa a Palazzo Reale "The Young Pope, la mostra", storia in immagini di un set di Gianni Fiorito che con le sue foto di scena racconta la serie tv cult firmata da Paolo Sorrentino. La mostra, aperta fino a ieri, martedì 13 giugno, sarà quindi smontata per trasferirsi a Torino, dove entrerà a far parte di una esposizione antologica sui film del regista premio Oscar, curata da Maria Savarese e ospitata nei saloni di Camera, il museo della fotografia del capoluogo piemontese.

In due mesi sono state oltre 55mila le presenze che alla fine dello scalone monumentale di Palazzo Reale hanno potuto "rivedere" le immagini d'autore che hanno bissato il grande successo di critica e di pubblico anche fuori dallo schermo, come dimostra il numero dei visitatori che hanno affollato l'ambulacro della reggia di piazza del Plebiscito a Napoli. La personale di Gianni Fiorito,  "archetipo del fotografo" secondo Paolo Sorrentino, racconta il set e i sei mesi di lavorazione della prima serie televisiva del regista napoletano, in questi giorni al lavoro già sul sequel. Le 38 foto sono state allestite su pannelli come a raffigurare un rullino o una pellicola che si dipana nel sontuoso corridoio regale raccontando il backstage dell'opera creata per la televisione dal regista premio Oscar napoletano. "Scorrono" così le immagini che hanno restituito allo spettatore l'atmosfera che ha circondato star e tecnici durante le riprese. Fiorito, che segue Sorrentino sin dagli esordi de "L'uomo in più", è riuscito a saldare in una sintesi fotografica le diverse fasi della creazione del Papa televisivo alternando foto di scena ad immagini "rubate".

Il visitatore, attraverso le testimonianze fotografiche, trae una visione personale e originale della serie televisiva in cui risalta sia il rapporto tra regista, attori e troupe sia lo straordinario patrimonio monumentale e naturale che ha fatto da sfondo a "The Young Pope". La mostra, voluta e realizzata dalla Regione Campania e curata da Maria Savarese, è stata prodotta dalla Scabec in collaborazione con il Polo Museale della Campania.
Mercoledì 14 Giugno 2017, 14:44 - Ultimo aggiornamento: 14-06-2017 14:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP