Tezaurè, tra i vicoli del centro storico di Napoli con Lavinia Petti

ARTICOLI CORRELATI
di Davide Morganti

0
  • 160
Il Centro storico di Napoli è il più grande d’Europa, con una complessità storica e archeologica che non ha eguali con i suoi ventisette secoli, dall’approdo greco alla dominazione spagnola, passando per le influenze egizie. Nel 1995 è diventato patrimonio dell’umanità con la seguente motivazione: «Considerando che il sito è di eccezionale valore. Si tratta di una delle più antiche città d'Europa, il cui tessuto urbano contemporaneo conserva gli elementi della sua storia ricca di avvenimenti. I tracciati delle sue strade, la ricchezza dei suoi edifici storici caratterizzanti epoche diverse conferiscono al sito un valore universale senza uguali, che ha esercitato una profonda influenza su gran parte dell'Europa e al di là dei confini di questa».
 

Lavinia Petti è la giovane scrittrice che ci ha portati fuori e dentro alcuni luoghi del Centro Storico, autrice di un esordio letterario di immediato successo con il romanzo “Il ladro di nebbia”, tradotto in vari paesi, fantasy che parte da Napoli e si sposta all’interno di un tempo che non ha più la geometria del nostro comune vivere. 
Sabato 1 Luglio 2017, 12:30 - Ultimo aggiornamento: 01-07-2017 16:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP