Sold-out per la mostra dei Pink Floyd negli Scavi: posticipata la chiusura

Mostra Pompei Pink Floyd
di Susy Malafronte

Pompei. Sold-out per la mostra dei Pink Floyd: posticipata la chiusura fino alla fine dell'anno. Buone notizie per i fan della rock-band britannica. Prorogata la mostra fotografica «Pink Floyd. Live at Pompeii. The exhibition by Adrian Maben» allestita nelle gallerie dell’arena gladiatoria per celebrare la storica band inglese e soprattutto il momento che li vide esibirsi nel 1971 in questo luogo per il memorabile concerto a porte chiuse, che diede vita al video «Pink Floyd-Live at Pompeii». La mostra oggi chiusa al fine di consentirne la revisione, da domani sarà riaperta al pubblico fino alla fine del 2017.

La mostra, un vero percorso visivo e di ascolto nella storia e nella musica dei Pink Floyd, ad un anno dall'apertura arriva la decisione di prorogare le visite. I suggestivi passaggi sotterranei dell’Anfiteatro, che consentivano l’accesso degli spettatori agli spalti, sono ritornati dopo anni visitabili al pubblico e in occasione del tributo fotografico  ai Pink Floyd con «Live at Pompeii. The exhibition by Adrian Maben», sede espositiva permanente per future mostre fotografiche.

Circa 80 metri di gallerie dell’anfiteatro romano più antico e visitabile, mai prima rese fruibili ai visitatori e aperte solo nel 1971 per il concerto della band e nel 1984 per le esigenze di scena durante le riprese del film Gli Ultimi giorni di Pompei di Peter Hunt tratto dal romanzo storico del 1834 di Edward Bulwer-Lytton. Due settori dedicati a Pompei e alla musica, quella del mitico 1971 (nel braccio sinistro) e alla Pompei dei tempi moderni ( a destra), alla sua lenta rinascita tra restauri, interventi di valorizzazione e eventi nel sito. Più di 250 foto, tra scatti di scena ed immagini inedite raccontano quei quattro giorni di inizio ottobre dal 4 al 7 del 1971 che divennero leggenda. Scatti originali di Jaques Boumandill, il cameraman di allora; il video del film, con le di interviste che Maben, il regista  realizzò negli studi londinesi di Abbey Road mentre David Gilmour, Nick Mason, Roger Waters e Richard Wright erano alle prese con le registrazioni dell’immortale album “The Dark Side of the Moon”, ma anche un video che raccoglie tagli di registrazione di chiacchiere in libertà della band, le cosiddette “Chit Chat with Oysters”. E ancora, filmati di alcuni tra i tanti gruppi attuali ispirati alla mitico formazione. E ad immettere nell’atmosfera di quei giorni la musica immortale della band che accompagna i visitatori  lungo i passaggi sotterranei di questa sede espositiva unica e suggestiva.
Giovedì 6 Luglio 2017, 13:21 - Ultimo aggiornamento: 06-07-2017 13:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP